Ecco il primo tatuaggio che monitora l’attività muscolare

Arriva a fior di pelle un’altra novità che farà la gioia di tutti gli sportivi e gli amanti del fitness. Si tratta di un tatuaggio temporaneo tecnologicamente avanzato, più innovativo di qualsiasi altra cosa che possiate ad oggi trovare all’interno di una confezione di patatine. I ricercatori hanno sviluppato infatti un sottile elettrodo flessibile, in grado di misurare i segnali elettrici che arrivano sulla pelle. E la cosa più straordinaria è che dopo l’applicazione, l’elettrodo appare esattamente come un accattivante tatuaggio “usa e getta”. In altre parole è il primo tatuaggio che monitora l’attività muscolare

La tecnologia è stata progettata per rendere più semplice il processo di raccolta delle registrazioni relative all’attività muscolare, anche quando si tratta di un monitoraggio a lungo termine, senza scomodare particolarmente la persona che si sottopone al test. Il tatuaggio che monitora l’attività muscolare, infatti, si “indossa” senza accorgersene, come un qualsiasi altro tatuaggio permanente. Utilizzando questo dispositivo a fior di pelle potrete quindi misurare in qualsiasi momento la vostra attività fisica senza nessun ingombro o pensiero aggiuntivo.

tatuaggio che monitora l'attività muscolare

“L’innovazione tecnologica sta rendendo giorno dopo giorno gli elettrodi sempre più sottili,” ha detto in una intervista rilasciata a LiveScience il leader di questo studio Yael Hanein, professore associato di ingegneria elettrica presso l’Università di Tel Aviv in Israele. “Questa caratteristica ha risolto tutte le sfide relative ai normali elettrodi.”

Il tatuaggio elettronico per controllare l’attività fisica

I tatuaggi elettronici potrebbero avere una larga varietà di applicazioni, tra cui anche quella di mappare le emozioni sulla base delle espressioni facciali, studiare le malattie neurodegenerative e il funzionamento delle protesi di controllo, così come affermato dai ricercatori in una dichiarazione. Hanein ha aggiunto che il suo laboratorio sta già esplorando altri modi possibili con cui i tatuaggi potrebbero essere utilizzati, ad esempio per valutazioni psicologiche o come strumento diagnostico della malattia di Parkinson, una malattia neurologica che può causare tremori, rigidità muscolare e problemi di coordinamento.

Tatuaggio elettronico: come funziona

Vediamo come è fatto questo nuovo dispositivo. Il “tatuaggio elettronico” è costituito da tre parti principali: un elettrodo di carbonio, una superficie adesiva che fissa il tatuaggio alla pelle ed un rivestimento polimerico che può condurre l’elettricità, che è poi la parte che compie le rilevazioni. I principali vantaggi di questa innovazione includono una grande stabilità a lungo termine e un grande comfort, oltre, in aggiunta, ad un’applicazione semplice e veloce sulla pelle. Tuttavia, secondo gli esperti c’è ancora molto lavoro da fare in merito alla cattura e all’analisi dei dati.

Uno strumento per rilevare le emozioni?

La nuova tecnologia rappresenta inoltre uno sviluppo interessante anche per tutto il campo degli studi psicologici, così come ha affermato Lisa Feldman Barrett, psicologa che studia la dinamica delle emozioni presso la Northeastern University. “In questo momento, quando è necessario compiere delle rilevazioni sui pazienti, applichiamo dei sensori direttamente sulla pelle, per mezzo di un gel, ma si tratta di un sistema ancora un po’ rudimentale, scomodo e piuttosto disordinato per chi lo indossa”.

Molto più affidabile, comoda e piacevole, invece, una soluzione di questo tipo. Per tale motivo diversi psicologi già utilizzano questo tipo di tecnologia nel proprio laboratorio. La Barrett, tuttavia, ha anche aggiunto che ci sono alcune cose che un elettrodo non sarà mai in grado di misurare. “Non ci sono progressi tecnologici in tale settore che permetteranno di leggere le emozioni sul volto di qualcuno. Le emozioni non funzionano così”, ha affermato.

Alcuni studi interculturali dimostrano infatti che le emozioni non sono universalmente collegate a determinate espressioni facciali, e il contesto è fondamentale per indovinare i sentimenti reali di coloro che ci circondano. “Le emozioni non vengono semplicemente rilevate – possiamo dire – ma sono percepite”.

Nonostante tali piccoli limiti, tuttavia, questo sensore temporaneo sotto forma di tatuaggio promette un ulteriore alleggerimento di tutte le attività in cui è indispensabile compiere delle rilevazioni sull’attività muscolare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.