Server email: che cosa è e come funziona

Quando si parla di comunicazioni a distanza, spesso si sente anche parlare di server email. Ma che cosa è esattamente un server di posta elettronica, e come funziona?

Server email: che cos’è

In parole povere, un server di posta elettronica è un’applicazione o un computer collocato in una rete il cui scopo è quello di agire come un grande ufficio postale virtuale. Questi server sono progettati per ricevere e-mail dai PC e dai dispositivi mobili delle persone attraverso una rete e trasmettere quegli stessi messaggi ad altri server di posta elettronica e viceversa.

server email

Che cos’è un server

Più in generale, un server è un elemento chiave di una architettura di sistema basato su un modello chiamato client-server. Un server host – un computer che esegue uno o più programmi server – condivide le sue risorse con più dispositivi “client”, come PC, tablet e telefoni cellulari. Queste risorse possono essere fornite sotto forma di database o file, o ancora servizi, come applicazioni per la stampa o software di diverso genere.

All’interno di un server di posta elettronica, queste risorse sono utilizzate per inviare e-mail, un formato standard per l’invio di testo e altri file su internet. Le email vengono create in un client di posta elettronica (cioè un programma in esecuzione su un dispositivo client che è progettato per comporre e inviare e-mail) e sono costituite di solito da due parti: l’intestazione, che include le informazioni su come e quando la mail è stata inviata, il suo “oggetto”, le indicazioni su chi ha inviato l’e-mail – il “mittente” – e le indicazioni su chi lo riceve – il “destinatario”. Il corpo del messaggio contiene il testo effettivo della e-mail. Alle email possono essere anche uniti file di diverso tipo e spediti insieme al messaggio come allegati.

Proprio come tutti i dati che viaggiano attraverso internet, una e-mail è un insieme di informazioni suddiviso spesso in pacchetti più piccoli. Quando il mittente fa clic sul pulsante di invio, tutti i pacchetti vengono caricati su un computer centrale (il server e-mail appunto) che ospita il servizio di posta elettronica.

Server email: come funziona

I server di posta elettronica possono essere gestiti da singoli datori di lavoro, aziende o corporate, per eseguire in-house i propri servizi di posta elettronica; possono essere anche usati per eseguire servizi basati su Internet come Gmail o Yahoo Mail; o, ancora, nel caso di personaggi pubblici o istituzionali, possono essere gestiti anche da un privato. Una volta che una e-mail raggiunge il server email del mittente, deve quindi trasmettere i pacchetti di informazioni a un altro server, quello che fornisce servizi di posta elettronica al destinatario.

server

Quasi tutte le macchine email-host per svolgere il loro lavoro eseguono due programmi server differenti, secondo alcune fonti. Un server SMTP (Simple Mail Transfer Protocol) gestisce la posta in uscita, mentre un server POP3 (Post Office Protocol) o un server IMAP (abbreviazione di Protocollo di Accesso Internet Mail) gestisce i messaggi in arrivo.

Dopo che il client di posta elettronica carica una e-mail, il server SMTP, il server della posta in uscita, esamina la sezione dell’indirizzo di posta elettronica del destinatario dopo il segno “@”, chiamato anche nome di dominio, per stabilire dove inviare il messaggio. Se il nome di dominio è lo stesso del mittente, il server SMTP passa semplicemente il messaggio al server POP3 o IMAP sullo stesso host.

Se i domini sono diversi, invece, il server SMTP contatta un server di nome di domini (DNS), che funge da equivalente di una rubrica telefonica, nella sua versione Internet. Un DNS ha una directory di nomi di dominio e li traduce in indirizzi Internet Protocol (IP). Il server SMTP chiede al server DNS l’indirizzo IP relativo al dominio del destinatario: con queste informazioni, il server SMTP può quindi collegarsi al server del servizio di posta elettronica del destinatario e trasmettere il messaggio.

Una volta che le email sono sul server giusto hanno solo bisogno di essere consegnati al dispositivo client. Per fare questo, il client di posta elettronica si connette al server POP3 e invia comandi dicendo che il cliente vuole scaricare tutte le email che sono memorizzate sul server per l’utente in questione, indicato dalla prima metà dell’indirizzo e-mail proprio di una persona – la parte prima della @.

Server POP3 e server IMAP: differenze

I server POP3 in genere richiedono dati di autenticazione, ad esempio una password, prima di passare il messaggio al client. La maggior parte dei server POP3 elimina i messaggi una volta che l’utente li ha scaricati. Questo significa che, se il sistema di posta elettronica utilizza un server POP3, in genere non si può controllare la posta da un altro dispositivo una volta che è stata scaricata da un dispositivo client.

email server

Questo è il motivo per cui sono stati introdotti i server IMAP. A differenza dei server POP3, i server IMAP conservano le copie di tutte le email sul server, il che significa che è possibile controllare la posta elettronica da qualsiasi luogo con una connessione internet. Poiché le email sono memorizzate su un server, però, i servizi IMAP tendono ad essere più lenti e spesso hanno limiti di dimensione.

Server email Microsoft Exchange

A complicare ulteriormente le cose, Microsoft ha anche una tecnologia proprietaria specifica per i server di posta elettronica o server email denominata Exchange. Poiché i prodotti Microsoft sono diffusi tra le grandi aziende, molte grandi aziende utilizzano Exchange per eseguire i loro sistemi aziendali. Exchange utilizza un proprio protocollo, una interfaccia di programmazione chiamata applicazione di messaggistica (MAPI), ma ha anche strumenti di supporto per i server POP3, IMAP e SMTP.

Grazie alla grande velocità di Internet, quello che suona come un processo laborioso e contorto avviene in un semplice batter d’occhio. Semplice come mandare un’email. Ora la prossima volta che invierete un messaggio di posta elettronica, saprete che giro ha fatto e dove è stato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.