L’era delle macchine super intelligenti: 7 conseguenze dei robot del futuro

E’ stata materia per innumerevoli film distopici di fantascienza: la realizzazione di una creatura in cui l’intelligenza artificiale rivaleggia con l’intelligenza umana. Ma anche se sembra fantascienza, molti scienziati dicono che tale possibilità arriverà non troppo dopo il 21 esimo secolo. E’ l’era delle macchine super intelligenti, e di intelligenza artificiale saranno dotati anche molti dei robot del futuro.

Eppure, poche persone sono completamente d’accordo su ciò che il futuro porterà veramente. Alcuni immaginano epiche battaglie tra robot e umani, mentre altri ritengono che la crescita delle macchine super intelligenti inaugurerà l’epoca dell’immortalità umana. Ecco raccolti in una lista quali saranno o potranno essere queste condizioni che le macchine pensanti imporranno all’uomo e quali saranno almeno sette potenziali implicazioni dei robot super-intelligenti.

7 robot super intelligenti che vedremo nel futuro

1 I robot di guerra

dreamstime_5183997

E’ l’incubo che ha alimentato la fama di “Terminator” per anni – la possibilità che i robot finiscano in lizza con gli esseri umani per il dominio del mondo. Gli ingegneri stanno già sviluppando muli robotici e soldati di vario genere che possano combattere al posto degli uomini, mentre i droni sono diventati un pilastro nella guerra contro il terrore. Almeno un paio di visionari apocalittici vedono i robot super intelligenti accesi dai loro creatori umani già nel prossimo secolo. Tuttavia, molti scienziati dicono che questa non è neanche la più grande invenzione del secolo e che le macchine si spingeranno molto oltre.

2 Una nuova immortalità per l’uomo

immortal-758418_640

Molte persone, come ad esempio il futurista Ray Kurzweil, credono che gli esseri umani non dovranno più morire. Alcuni immaginano un futuro in cui gli esseri umani porteranno il loro cervello in un computer, in sostanza vivranno all’interno delle macchine. Altri immaginano la costruzione di parti cibernetiche per sostituire parti cancerose e cuori anti invecchiamento, che radicalmente aumentano la longevità degli uomini. In entrambi i casi, la morte potrebbe essere trasformata da un aspetto inevitabile della vita ad un evento relativamente raro della stessa.

3 Una nuova economia per il mondo

ball-93117_640

Una volta che le macchine potranno avere l’intelligenza umana, sarà una semplice questione di tempo: quello necessario per copiare software intelligente, da chi è in grado di programmare una mente artificiale, da un computer all’altro, per creare più lavoratori robotici da utilizzare per l’economia. Considerando che l’economia è raddoppiata ogni mille anni dopo la rivoluzione agricola, e ogni 15 anni dopo la rivoluzione industriale, e che l’economia del futuro potrebbe raddoppiare ogni mese, e poi ogni settimana, ha detto Hanson, è facile supporre quello che accadrà. Questo ritmo di crescita economica potrebbe essere così veloce che l’uomo non sarà forse in grado di tenerne il passo. L’economia del futuro sarà di certo totalmente diversa da quella attuale e basata su ulteriori modelli.

4 La distruzione dell’ambiente

coal-71517_640

Dal momento che i robot non hanno bisogno di aria, di acqua o di cibo, non avranno paura di distruggere l’ambiente come fanno invece i mortali. Di conseguenza, alcuni credono ci sia un maggior rischio nell’utilizzare i robot super intelligenti ai danni di tutte le risorse naturali della Terra, ha detto Robin Hanson, economista presso la George Mason University di Washington, DC, che sta scrivendo un libro proprio sulle implicazioni dell’intelligenza artificiale. La rivoluzione dei robot proprio come paventano e hanno paventato molti romanzi di fantascienza potrebbe aggravare i problemi ambientali e le condizioni già disastrose del nostro pianeta.

5 Esseri umani più intelligenti

cyborg-438398_640

La produzione di impianti cibernetici potrebbe anche significare uomini molto più intelligenti, ovvero umani dotati di superpoteri. Kurzweil, ora direttore del settore ingegneria presso Google, immagina un mondo in cui la maggior parte delle persone fanno uso di impianti cibernetici per essere più intelligenti, vedere più lontano e essere più forti. Naturalmente, tutto questo potrebbe rendere gli esseri umani dei cyborg, ma la maggior parte delle persone sarebbe troppo occupato con i suoi superpoteri di nuova acquisizione per potersene rendere conto.

6 Disoccupazione di massa

termination-110301_640

Quando i robot saranno diventati più intelligenti, gli esseri umani semplicemente non saranno in grado di tenere il loro passo. Mentre i compiti più semplici potranno essere compiuti dai robot in un primo momento, entro il 2045 Kurzweil prevede che le macchine saranno miliardi di volte più intelligenti degli esseri umani che invece non avranno aumentato le loro caratteristiche. I robot hanno già sostituito gli operai delle fabbriche e presto le automobili auto-guidate saranno proprio dietro l’angolo. Ancora altre tecnologie informatiche, come gli ultraveloci programmi di commercio che causano “crash flash,” si stanno sviluppando senza considerare come potrebbero danneggiare altre persone o metterle  al di fuori del loro lavoro, ha detto Bill Hibbard, uno scienziato informatico presso l’Università del Wisconsin – Madison.

7 La creazione di organi rudimentali

electricity-705670_640

Una volta che quasi tutti i compiti sono affidati alla super-intelligenza, gli esseri umani possono perdere gradualmente le capacità che una volta definivano l’intelligenza dell’uomo. In effetti, alcuni dicono che il mondo è già nel mezzo di questa condizione: Gli esseri umani hanno già rinunciato alla loro capacità di navigare, memorizzare e calcolare, ha detto Joan Slonczewski, un microbiologo del Kenyon College in Ohio. Gli scienziati hanno anche sviluppato dei robot empatici per fare alcune delle attività più umane – come occuparsi della cura dei malati e degli anziani.

Alla fine l’uomo potrebbe diventare come i mitocondri, le centrali energetiche delle cellule. Anche se i mitocondri erano una volta degli organismi indipendenti, dei batteri primitivi hanno inghiottito i mitocondri molto tempo fa, e gradualmente hanno preso tutte le loro funzioni, tranne quella di produrre l’energia. Gli esseri umani possono analogamente perdere tutte le loro capacità, e regredire al punto da fornire solo energia per le macchine. Troppo apocalittico o troppo reale?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.