Il cassetto pieno di vecchi telefonini danneggia l’ambiente

A meno che non si abbia una grande forza di volontà, è probabile che si voglia cambiare il telefonino ogni due anni circa. Tendiamo ad accumulare tanto materiale sui telefonini: foto, musica, messaggi pieni di emoticon a cuoricino dalla fidanzata. Anche i migliori possono essere affetti dalla “nostalgia del Nokia”.

Il risultato è che, da qualche parte a casa, ciascuno di noi ha una “tomba” di dispositivi elettronici vecchi (probabilmente in un cassetto della credenza in cucina).

oldphones

Un nuovo studio comparso sull’International Journal of Life Cycle Assessment analizza il problema dello smaltimento dei vecchi telefonini e di come questo costituisca un enorme problema ambientale. L’analisi considera anche le opzioni per uno smaltimento responsabile.

Il sito “ThinkProgress” afferma che “la produzione di nuovi cellulari che sostituiscono i vecchi produce anidride carbonica. James Sucklin, ricercatore all’Università del Surrey in Inghilterra, afferma che nel Regno Unito ci sono 85 milioni di telefonini inutilizzati. In totale questi telefoni contengono quattro tonnellate di oro, una quantità che necessiterebbe di 84000 tonnellate di anidride carbonica per essere smaltiti (ovvero sarebbero necessari 85 milioni di telefonini da raccogliere tutti insieme per sostituire quelli inutilizzati). E se questi telefoni finiscono nelle discariche, invece che rimanere nei cassetti, producono un enorme quantità di piombo e di altri metalli che finiscono nell’ambiente.“

Sfortunatamente anche quando dispositivi  elettronici sono riciclati, possono comunque causare problemi nei paesi in via di sviluppo. In altre parole: possiamo pensare che tenere i nostri vecchi telefonini, ma in realtà avremmo bisogno di riciclare i metalli preziosi  che contengono (velocemente e responsabilmente) a tutto vantaggio dell’ambiente e del benessere globale.

Il rapporto raccomanda di modificare la struttura dei telefoni utilizzando meno metallo. E per i consumatori una soluzione più verde sarebbe quella di non comprare ogni due anni nuovi dispositivi o prodotti elettronici superflui (sui quali guardare video di gattini, magari!).

 

Via | Grist

 

Commenti

Articolo precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.