Il nuovo hoverboard di Lexus, lo skateboard volante che arriva dal futuro

Il mese scorso, il produttore di auto giapponese Lexus ha presentato il suo nuovo prodotto. La grande notizia è che non è un SUV di lusso. Si tratta invece di un hoverboard. Soprannominato “Slide”, questo skateboard volante sarà testato in pubblico per la prima volta il mercoledì  5 agosto, e la società ha annunciato l’evento questa settimana in un breve video pubblicato su YouTube.

lexus-hoverboard

Il video mostra una elegante tavola galleggiante su quello che sembra essere il cemento regolare di un parco per skateboard, portando alcuni appassionati di hoverboard ad ipotizzare che, finalmente, qualcuno ha prodotto uno skateboard volante che si può effettivamente guidare in un halfpipe – per i non addetti ai lavori le rampe a sezione semicircolare o paraboidale utilizzate dagli appassionati di sport come lo skateboarding, lo snowboard, lo sci freestyle, il BMX freestyle e il pattinaggio aggressive – o su un marciapiede.

Ma, se avete pensato che il nuovo giocattolo di Lexus si trasformerà in quello di Marty McFly di “Ritorno al futuro II” (quello appunto in cui compare l’epica scena dell’inseguimento su hoverboard), pensate di nuovo. Il nuovo prodotto della Lexus non può di fatto scivolare sopra il normale cemento.

Come funziona l’hoverboard della Lexus

Slide utilizza in realtà la levitazione magnetica, o maglev, per mantenere se stesso (e il suo pilota) sospesi da terra, secondo quanto affermato dal sito web della società, in cui si afferma che la tavola si basa su  “superconduttori e magneti permanenti raffreddati da azoto liquido”.

Poiché Slide utilizza superconduttori, che sono materiali conduttori di elettricità con resistenza zero al di sotto di una certa temperatura, l’hoverboard della Lexus è leggermente diverso da altre tecnologie a levitazione magnetica, come i super – treni a levitazione magnetica ad alta velocità presenti in Giappone, Cina e altri paesi. I treni maglev sono sollevati dal loro peso e spinti in avanti da elettromagneti convenzionali (un tipo di magnete con un campo magnetico generato da una corrente elettrica). Gli elettromagneti si trovano sotto la carrozza del treno e sono respinti da altri magneti incorporati nella pista del treno. L’interazione tra le due serie di magneti è ciò che permette al treno sfidare la forza di gravità e rimanere “a galla” nell’aria.

Ma i superconduttori dell’hoverboard della Lexus funzionano un po’ diversamente. Essi producono una forte corrente elettrica quando vengono raffreddati ad una certa temperatura, e la forte corrente elettrica che il magnete produce a sua volta crea un forte campo magnetico che respinge il campo magnetico creato da altri magneti, quelli ubicati nelle vicinanze. Questa forza di repulsione è ciò che mantiene l’hoverboard nell’aria e fa in modo che galleggi.

Per mantenere i superconduttori all’interno della loro temperatura l’hoverboard deve essere raffreddato a temperature così basse con azoto liquido. Nel video di YouTube, è possibile vedere una sostanza bianca, che fuoriesce dallo hoverboard. Questa è la tipica formazione di condensa o nebbia, prodotta quando l’azoto liquido colpisce l’aria intorno al superconduttore.

Quello che non si vede nel video che la Lexus ha registrato il mese scorso sono i magneti sotto il fondo dell’hoverboard che respingono i superconduttori. Tutto quello che vedete qui sotto la tavola è quello che appare invece come calcestruzzo ordinario. Ma ci può  essere qualcosa in più che il calcestruzzo, secondo gli esperti di skateboard di El Patín, un sito web dedicato allo skateboard in lingua spagnola.

Uno dei collaboratori del sito è andato verso il parco skate che Lexus ha costruito a Cubelles, un comune di Barcellona, ​ dove l’azienda starebbe procedendo al debutto del prodotto hoverboard, previsto per la prossima settimana. Il blogger di El Patín ha detto in un post sul blog che il parco “non è esattamente quello che sembra.”

I magneti nascosti dello skateboard volante

Lo skate park di Cubelles è costituito da fogli di compensato e da uno strato molto sottile di calcestruzzo, secondo El Patín. In altre parole, non è un vero e proprio parco skate, ma è fatto apparire come tale.

Così come Lexus ha affermato sul suo sito web, l’hoverboard funziona utilizzando sia superconduttori sia “magneti permanenti”. Nello skate park appositamente costruito, questi magneti permanenti sono disposti seguendo una traccia sottostante e sono nascosti sotto il legno e la superficie del calcestruzzo lungo le rampe del parco e delle altre superfici, secondo El Patín. Questa traccia nascosta o percorso crea l’illusione che l’hoverboard si muova liberamente intorno al parco skate, proprio come un normale skateboard volante. Ma in realtà, lo Slide può muoversi solo sulla traccia magnetica.

La sua incapacità di galleggiare su qualsiasi superficie rende il Lexus l’ultimo giocattolo tecnologico un po’ inutile per chi non ha accesso a uno skate park appositamente magnetizzato. Tuttavia, questa non è la prima volta che una azienda ha costruito un hoverboard che può essere utilizzato solo in ambienti molto specifici.

Nel mese di dicembre 2014, gli innovatori che stanno dietro l’hoverboard Hendo hanno raggiunto il loro obiettivo di finanziamento su Kickstarter. Ma, anche il loro pattino futuristico funziona solo quando è posto su una superficie di rame. L’hoverboard Hendo contiene quattro elettromagneti che alternano i loro campi magnetici e inducono un campo magnetico repellente nella superficie di rame sotto l’hoverboard – così come ha confermato nel mese di dicembre scorso anche Eric Palm, vice direttore del Laboratorio Nazionale dei Grandi Campi Magnetici presso la Florida State University.

L’hverboard di Hendo farà il suo debutto pubblico in una location appositamente creata, il “Parco hover, fatto in rame, nel mese di ottobre, secondo la società che ha creato il prodotto. Quindi, non si tratterà di una passeggiata lungo il marciapiede a bordo di Hendo in qualunque momento o posto neanche questa volta.

Se si desidera un hoverboard che può essere utilizzato in un contesto più naturale (vale a dire, in un luogo diverso da un parco disseminato di magneti o di rame), quindi si consiglia di parlare con Catalin Alexandru Duru, che ha costruito un prototipo di hoverboard che si solleva da terra con due semplicissime eliche. Questo inventore avventuroso è recentemente entrato nel Guinness dei Primati per il più lungo volo su hoverboard mai realizzato, quando a bordo della sua tavola ha percorso 905 piedi (cioè 276 metri) attraversando un lago canadese.

Via | grist

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.