Auto senza conducente anche per BlackBerry

BlackBerry è l’ultimo concorrente in gara per la costruzione di auto senza conducente. La divisione QNX dell’azienda di software canadese ha mostrato la sua ultima tecnologia in occasione del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas, e ha dimostrato come le automobili possono comunicare tra loro, così come i semafori, per migliorare il flusso del traffico e evitare collisioni.

I veicoli per la comunicazione tra veicoli potrebbe permettere ad una macchina di sapere quando l’altro ha improvvisamente dovuto frenare, aiutando le automobili affrontare la situazione.

20150206140427-blackberry-logo

BlackBerry ha mostrato anche come il suo software è in grado di eseguire l’analisi in tempo reale degli scenari di traffico che costituiranno la base per le automobili senza conducente. Il software realizzato da QNX è già utilizzato da Ford per costruire i propri sistemi di infotainment in-car. L’ultimo aggiornamento del software ha lo scopo di porre le basi per le case automobilistiche affinché adottino la tecnologia delle auto senza conducente. Il sistema operativo QNX funziona come base per altri software di terze parti e hardware di aziende che vogliono costruire la tecnologia di punta.

Meno incidenti con le auto senza conducente

Porre le basi e fornire il sistema operativo per auto senza conducente conduce ad una più ampia strategia di BlackBerry. La società non è più un giocatore importante nel mercato smartphone e si basa molto sul monetizzare il suo software e i servizi. Si punta a raggiungere 500 milioni di fatturato entro marzo, riporta The Entrepreneur.

Naturalmente, la mossa di BlackBerry è diretta contro società del calibro di AppleGoogle e Tesla. Google per esempio, ha recentemente dichiarato che le sue auto senza conducente hanno completato oltre 2000 mila miglia di guida autonoma. Google produce anche un sistema operativo per auto che permette alle persone di utilizzare le loro applicazioni per smartphone tramite il cruscotto del veicolo. La versione di Apple si chiama CarPlay.

Benvenuti a Mcity, la città per auto senza conducente

La mossa di BlackBerry mette in evidenza la continua tendenza delle aziende di tecnologia che giocano sempre di più nel settore automobilistico. All’inizio di questa settimana, la Ford ha detto di voler rilasciare veicoli compatibili con il CarPlay di Apple  e l’Android Auto di Google.

I software BlackBerry per i sistemi in-car di navigazione e di intrattenimento sono già utilizzati in milioni di vetture così come la società ha una lunga tradizione di rapporti con i produttori. L’azienda spera di sfruttare quei legami per raggiungere una posizione di vertice in quella che è una parte nascente del settore. BlackBerry spera che questa tecnologia possa gettare le basi per un nuovo flusso di entrate.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.