Arrivano i costumi 3D che aiutano a tenere pulito il mare

Vuoi aiutare la natura tenendo l’acqua del mare pulita? Potrebbe essere facile come indossare un bikiniMihri e Cengiz Ozkan, professori presso l’Università della California, al Riverside Bourns College of Engineering, insieme al dottorando Daisy Patino e al Ph. D. Hamed Bay, hanno sviluppato un materiale denominato Spugna. L’ingegnere lo ha progettato per ripulire le fuoriuscite di petrolio e le sostanze chimiche e desalinizzare l’acqua.
Il materiale, racconta Mashable, che è stato creato a partire da saccarosio riscaldato, ha “una struttura altamente porosa che è super idrofobica, il che significa che respinge l’acqua, ma assorbe agenti inquinanti nocivi”, spiega un comunicato stampa. “Questo è un materiale eccellente che non è dannoso per l’ambiente ed è molto conveniente per la produzione” dice nel comunicato Mihri Ozkan.

usebikini

Pinar Guvenc, Inanc Eray e Gonzalo Carbajo, partner dello studio di architettura e design ErayCarbajo, hanno avuto l’idea di incorporare la Spugna in un capo di vestiario e aiutato a progettare il primo costume da bagno che possa contribuire a tenere pulita l’acqua del mare. Essi hanno scoperto un modo per modellare il materiale nella forma di un bikini incapsulandolo in una rete in gomma stampata con il sistema 3D.

La spugna, che può anche essere incorporato in altri tipi di costumi 3D per il mare e mute, assorbe a quanto pare fino a 25 volte il proprio peso. Le sostanze inquinanti aspirate vengano rilasciate solamente quando il materiale viene riscaldato a temperature superiori a 1000 ° C. Il team dell’Università della California sostiene che la spugna si è dimostrata efficace per un massimo di 20 impieghi, dopo i quali è raccomandato che il tessuto venga sostituito.

Questo progetto innovativo di recente ha vinto il primo posto al Reshape 15 Wearable ed è in attesa di approvazione di brevetto.

Se i bikini saranno venduti o addirittura potranno migliorare i corpi d’acqua inquinati resta da vedere. I ricercatori tuttavia sperano che la loro tecnologia indossabile decollerà e possa essere usata per migliorare l’ambiente.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.