Apple TV: come funziona la nuova “ricerca universale”

Apple ha presentato la nuova generazione delle sue Apple TV. Il dispositivo è una revisione significativa del suo predecessore, ma con più potenti software, un controllo remoto migliorato da un ingresso touchpad e sensori di movimento che le consentono di funzionare anche come controller di gioco. Questo è l’hardware. 

Ma c’è un’altra caratteristica che arriva sulla nuova Apple TV – ed è quella per la quale qualunque persona con la vecchia Apple TV ha atteso per anni. La ricerca universale. In sostanza, sarete in grado di cercare uno spettacolo o un film di una volta, e vedere i risultati da tanti diversi tipi di fonti.

enhanced-26806-1441167224-1

La ricerca universale consente ricerche su più servizi di streaming video e sull’iTunes Store di Apple. Invece di passare in rassegna i cataloghi di molteplici servizi video, uno alla volta, per un particolare film, sarete ora in grado di visionarli tutti – o la maggior parte di loro – in una sola volta e poi di scegliere il servizio che si desidera guardare. Potrete anche essere in grado di cercare attori e registi, ed eseguire altre ricerche più mirate, tutte, ovviamente, anche con Siri.

C’è poi l’intelligente assistente personale di Apple, di base in questo device, come pure un altro motore che lo guida. L’introduzione della ricerca universale migliorerà notevolmente l’esperienza sull’Apple TV, che ha sofferto per anni delle limitazioni suddette e per una non così intuitiva interfaccia utente. Apple vuole quindi molto chiaramente posizionare per la prima volta l’Apple TV come un facile ingresso per il consumo di video di tutti i tipi, da fonti diverse.

Questo particolare rende la nuova Apple TV la prima “vera” Apple TV, in quanto è la prima a consegnare su device di Apple ciò che l’esperienza televisiva dovrebbe essere.

Un’ultima cosa: la nuova Apple TV avrà un prezzo di lancio pari a 149 dollari. E Apple avrà presto un servizio di Internet TV, che, dietro sottoscrizione e abbonamento, sarà pronto a vendere alle famiglie tutti i contenuti che intendono guardare.

Via | buzzfeed

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.