Un razzo riutilizzabile per le prossime missioni spaziali

L’idea del riciclo arriva ad abbracciare anche la scienza dell’esplorazione spaziale. Gli ingegneri dello Space X hanno appena capito come riutilizzare un gigantesco razzo spaziale.

La società spaziale privata di Elon Musk ha lanciato il suo razzo Falcon 9 in orbita, sfiorato 11 satelliti commerciali, e quindi mandato in fiamme il booster del razzo prima di tornare di nuovo a terra su Cape Canaveral. E’ stata una storica impresa che è venuta dopo due precedenti tentativi falliti – uno che si è concluso in una esplosione e uno che si è concluso in una serie di danni per il razzo.

rocket-launch-67646_960_720

Questo riutilizzo dei razzi è un grosso problema, come l’ingegnere dello Space X Lars Blackmore ha detto alla MIT Technology Review, dovendo i razzi far scendere i loro carichi e poi atterrare in mare, che è incredibilmente dispendioso: “E’ fondamentalmente come pilotare un 747 in tutto il paese e poi, invece di far rifornimento, buttarlo via. ”

Blue Origin, la società spaziale privata di proprietà del fondatore di Amazon Jeff Bezos, ha fatto anche atterrare con successo un razzo il mese scorso, ma il suo razzo di New Shepard, pensato per il turismo spaziale, era salito solo a volo suborbitale, quindi era meno impressionante.

Gran parte dell’hype intorno alla missilistica riutilizzabile si concentra su quanti soldi potremmo risparmiare non dovendo ricostruire queste cose tutte le volte – il Falcon 9, per esempio, costa all’incirca 60 milioni di dollari per essere costruito, secondo il sito web SpaceX. Ma certo, ci sono anche benefici ambientali sostanziali, non lasciando milioni di sterline di metallo cadere in mare ogni volta che vogliamo fare una consegna nello spazio.

Quindi, se abbiamo intenzione di diventare una specie dedita ai viaggi spaziali, un giorno, come spera Musk, è una buona cosa il fatto che alcune persone stiano cercando di capire come farlo in modo sostenibile e vantaggioso dopo il conto alla rovescia. Sarebbe super-imbarazzante  se dovessimo fuggire dalla Terra per sfuggire ai cambiamenti climatici, solo per finire su Marte e morire comunque.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.