Il triangolo delle Bermude

Un triangolo di acqua dell’Oceano Atlantico in cui, dagli anni ’50 in poi, sono sparite più di 100 aeroplani e navi, alimentando il mistero su quello che viene comunemente conosciuto come il Triangolo delle Bermude.

Dove si trova il Triangolo delle Bermude

Ci troviamo al largo della Costa Occidentale degli Stati Uniti, in una parte di oceano a forma di triangolo, delimitata a nord dalla costa dell’arcipelago delle Bermude, a sud dalla punta occidentale dell’Isola di Porto Rico e a ovest dalla parte meridionale della penisola della Florida. Una zona piuttosto vasta (circa 1.100.000 km quadrati) in cui, a partire dagli anni ’50, sono spariti, in circostanze misteriose, navi e aerei, senza lasciare alcuna traccia.

Gli aerei e le navi scomparse

Secondo le ultime testimonianze e gli ultimi articoli, più o meno scientifici, scritti riportiamo l’elenco delle principali sparizioni avvenute in questa famigerata area di oceano, che spesso viene chiamata il Triangolo della Morte.

Navi:
1843: USS Grampus
1864: Mary Celeste
1881: Ellen Austin
1918: USS Cyclops
1921: Carroll A. Deering
1925: SS Cotopaxi

Aerei:
1945: Grumman TBM Avenger (5 velivoli)
1948: Avro Tudor Star Tiger
1948: Douglas DC-3

Le prime testimonianze

Il primo a scrivere delle strane sparizioni del Triangolo delle Bermude fu Edward Van Winkle Jones in un articolo pubblicato per l’Associated Press il 16 settembre del 1950, articolo che diede il via ad una lunga serie di scritti che continua ancora ai nostri giorni. Dopo di lui fu George X. Sand a scrivere Sea Mystery At Our Back Door in cui si parlava per la prima volta di una possibile spiegazione soprannaturale per le sparizioni che sempre più spesso avvenivano in questa zona.
Ma non solo articoli di giornale: iniziarono a comparire anche dei libri, il più conosciuto dei quali rimane Bermuda, il Triangolo maledetto (1974) di Charles Berlitz.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.