Primati superdotati: scoperto il mammifero con i testicoli più grandi

Una ricerca recentemente condotta nel Madagascar ha portato gli scienziati a scoprire il mammifero che tra i primati può essere considerato un vero superdotato. Il lemure gigante del Madagascar ha infatti i testicoli più grandi, per peso corporeo, di qualsiasi primate.

Mirza-zaza-juvenile-150713

In proporzione, infatti, se il Lemure gigante del Madagascar avesse le dimensioni di un essere umano, i suoi testicoli sarebbero grandi come pompelmi, ha dichiarato Christoph Schwitzer, il direttore della conservazione presso la Bristol Zoological Society nel Regno Unito.

Il lemure (nella lingua locale Mirza Zaza) è stato denominato per la prima volta dalla scienza nel 2005, poiché i ricercatori non sapevano ancora nulla circa la sua dieta e il stile di vita – anche se quest’animale è già indicato come in via di estinzione dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

“Al fine di progettare misure di conservazione efficaci, abbiamo bisogno di avere almeno un po’ di conoscenza di ciò che stiamo cercando di conservare”, ha detto Schwitzer.

I testicoli più grandi di tutti i primati

Una ricercatrice universitaria, Eva Johanna Rode-Margono, ha viaggiato attraverso il Parco Nazionale Sahamalaza, nel nord-ovest del Madagascar, all’interno del quale numerosi lemuri giganti vagano liberamente. Questi lemuri crescono fino ad un peso di circa 11 once (circa 300 grammi) e sono attivi solo di notte, cosa che rende il loro studio una sfida. “Devi essere molto veloce per seguirli attraverso la foresta”, ha detto Schwitzer.

Rode – Margono ha catturato 12 lemuri vivi con trappole speciali e li ha dotati di collari radio per osservarli per un certo periodo di mesi, dopo di che i collari sono stati rimossi e gli animali liberati. Durante la cattura, ha anche pesato i lemuri e ha preso le misure dei loro testicoli.

Tra i primati, dalla dimensione dei testicoli dipende la strategia di accoppiamento di ogni animale. Per lo più gli animali monogami tendono ad avere testicoli piccoli rispetto alla loro dimensione corporea. I gorilla, ad esempio, si adattano a questo profilo. I primati con un comportamento poligamo, invece, hanno testicoli più grandi, che che riflette la loro maggiore necessità metabolica di liquido seminale per competere con gli altri maschi nel gioco di accoppiamento.

I ricercatori hanno scoperto che il lemure gigante del nord ha dei testicoli che misurano circa 15,48 centimetri cubici – otto volte superiore a quello che ci si aspetterebbe per un lemure tipico. Si tratta dei testicoli più grandi rispetto alle dimensioni del corpo di qualsiasi primate conosciuto. Per amor di confronto, il volume medio di un testicolo nell’uomo adulto è di circa 18 centimetri cubi.

mouse-lemur

Riproduzione e accoppiamento dei lemuri

Ma c’è di più, i piccoli lemuri hanno mostrato anche modelli di accoppiamento diversi tra loro. La maggior parte dei lemuri ha specifiche stagioni di riproduzione e di parto, con solo due eccezioni note, l’aye-ayee e il lemure dal ventre rosso. Il lemure gigante del nord costituisce una terza eccezione alla regola: questi animali sembrano accoppiarsi tutto l’anno.

Il lemuri vivono in gruppi di otto o giù di lì, cosa che non è particolarmente strana. Ma la cosa strana è che questi gruppi includono spesso parecchi maschi non imparentati tra loro. Un comportamento davvero raro, dato l’alto potenziale di conflitto.

Rode-Margono ha osservato solo tre sessioni di accoppiamento durante il tempo passato nella foresta, e il buio e la vegetazione rendevano piuttosto difficile vedere cosa stesse accadendo. Ulteriori studi sono quindi necessari per comprendere meglio i comportamenti riproduttivi di questi insoliti lemuri giganti.

Il Madagascar è oggi afflitto da fenomeni come la deforestazione e la perdita dell’habitat di queste specie animali: un secondo obiettivo è quindi quello di collegare i frammenti di bosco rimasti attraverso opere di rimboschimento, in modo che le popolazioni animali non rimangano isolate tra loro.

lemure

Via | livescience

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.