La risposta agli OGM, uno spray genetico che modifica l’RNA

E’ in arrivo un nuovo prodotto chimico, chiamato BioDirect, che consiste in una sorta di spray genetico che consente un temporaneo meccanismo di difesa per le piante. Si basa su un fenomeno naturale di interferenza chiamato RNA, che gli scienziati possono utilizzare per bloccare i geni cruciali, per esempio, di erbacce o parassiti.  Nessuno ha ancora mai provato a spruzzare l’RNA su migliaia di acri di coltivazioni prima d’ora, quindi ciò solleva alcune legittime preoccupazioni.beaker-and-test-tubes-laboratory

Ecco come funziona. Tutti gli esseri viventi contengono DNA e il DNA trasporta le informazioni genetiche di cui le cellule hanno bisogno per produrre le proteine. Ma in realtà è l’RNA, il suo meno famoso cavallo di battaglia, che prende le informazioni genetiche presenti nella cellula. Anche i virus utilizzano l’RNA, così che le cellule hanno una sorta di meccanismo di difesa per rilevare l’RNA virale, memorizzarne il contenuto, distruggerlo, e poi dare la caccia alla sua progenie per distruggere anche loro.

Con un piccolo trucco, tuttavia, questo meccanismo di difesa può essere rivolto contro di esso, in modo che una cellula inizia ad attaccare il proprio codice genetico. Ecco dove entra in gioco BioDirect. Utilizzando lo spray RNA che assomiglia a RNA virale, ma è in realtà l’informazione genetica di erbacce o parassiti o qualunque altra cosa, l’azienda può trasformare efficacemente il nemico contro se stessa. Si potrebbe anche utilizzare BioDirect per indirizzare alcuni geni nelle colture stesse, al fine di rendere tali colture, ad esempio, resistenti alla siccità.

Quindi, se un aranceto in Florida è improvvisamente invaso da un insetto che trasmette una malattia, gli agricoltori potrebbero, in teoria, spruzzare su qualche insetto l’RNA BioDirect fino a quando la situazione è sotto controllo e poi continuare con il loro business – senza pesticidi o alberi geneticamente modificati. Questa tecnica ha un numero di vantaggi rispetto agli OGM.

Monsanto, l’azienda che produce il BioDirect non è l’unico a lavorare con gli spray genetici. Altre grandi imprese agricole biotech , tra cui Bayer e Syngenta, stanno studiando questa tecnologia.

Il vantaggio è che offre il controllo sui geni di una pianta senza modificarne il genoma, cioè senza creare un OGM.

Ciò significa che gli spray potrebbero eludere gran parte della polemica intorno biotecnologia agricola. O almeno così le società sperano. Quello che è certo, è che un modo per realizzare gli obiettivi di ingegneria genetica, senza dover sviluppare un OGM potrebbe portare benefici commerciali. Gli spray potrebbero essere rapidamente usati per creare una infestazione di insetti o un nuovo tipo di virus. Questo potrebbe essere non solo più veloce rispetto alla creazione di nuove colture geneticamente modificate, ma gli effetti del silenziamento genico dell’RNA durano solo pochi giorni o poche settimane. Ciò significa che si potrebbe spruzzare lo spray sulle caratteristiche come la resistenza alla siccità nei periodi di scarsità d’acqua senza compromettere le prestazioni dell’impianto in tempi di precipitazioni normali.

La Monsanto ha pagato 30 milioni di dollari per l’accesso al know-how e ai brevetti detenuti dalla società biotech Alnylam RNA interference, e ha fatto un accordo simile con Tekmira, uno specialista di RNA con sede a Burnaby, nella British Columbia. Monsanto è anche il finanziatore di una società di 15 persone chiamata Preceres, una sorta di Skunk Works che si è stabilita appena fuori il campus del MIT, dove robot miscelatori sono impegnati nell’agitazione di RNA con rivestimenti di nanoparticelle specializzate. Nel frattempo, Syngenta ha pagato 523.000.000 dollari per comprare una società biotech europea che aveva lavorato sugli insetticidi RNA.

La domanda ovvia è: dovremmo spruzzare o mangiare RNA che fa in modo che altre specie si uccidano? In primo luogo, è importante notare che gli scienziati possono personalizzare l’RNA target in specifiche sequenze genetiche in qualunque cosa vogliano uccidere o modificare, quindi è molto meno probabile ferire le persone che, per esempio, il verme delle patate che costituisce il target.

Tuttavia, non è ancora chiaro come spruzzare l’RNA sulle colture potrebbe influenzare gli ecosistemi circostanti, poiché questo potrebbe benissimo aprire “il prossimo grande dibattito sugli OGM.”

Via | grist

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.