I progressi della scienza delle ultime settimane in 10 foto

La scienza si racconta ed è raccontata anche attraverso le immagini. Oggi sempre proprio le immagini diventano il veicolo di ricerche, studi e progressi scientifici in virtù di un sempre più consapevole e preciso utilizzo degli strumenti ottici e di indagine. Per le persone del XXI secolo, in definitiva, la scienza non è mai stata così a portata di mano. 

Ecco quindi alcuni dei più impressionanti scatti di questi ultimi giorni, che raccontano i progressi, le scoperte, i risultati raggiunti dalla ricerca scientifica, che, silenziosamente, conduce la storia dell’uomo un passo più avanti.

I progressi della scienza di questa settimana in 10 foto

longform-original-32530-1441387303-3

Un orangotango di Sumatra abbraccia il suo cucciolo di un giorno di vita nel Chester Zoo. Gli oranghi di Sumatra sono criticamente in pericolo – si pensa ne siano rimasti solo 6.500 sull’isola di Sumatra, in Indonesia, che è l’unico posto in cui questa specie vive in natura. Peter Byrne / PA Wire / PA Immagini

longform-original-14186-1441450427-9

Tre uragani – Kilo, Ignacio e Jimena – viaggiano sopra l’Oceano Pacifico. Questo è stato il primo mese nella storia in cui tre  tempeste di categoria 4 hanno imperversato sul Pacifico, allo stesso tempo. NASA / Suomi NPP / earthobservatory.nasa.gov

longform-original-12130-1441387331-3

Scienziati che lavorano nel laboratorio di andrologia presso l’Istituto Royan di Teheran, Iran. Ebrahim Mirmalek

longform-original-12012-1441387369-6

Leoni attaccano un bufalo nel parco nazionale del Serengeti in Tanzania. Una ricerca pubblicata questa settimana sulla rivista Science ha trovato che un aumento del numero di prede in un’area non comporta un aumento dei predatori. Amaury Laporte / Science

longform-original-14776-1441450612-7

I fiumi che conducono in una voragine nella calotta di ghiaccio della Groenlandia. Nel mese di luglio, un gruppo di scienziati si accampa qui per studiare come l’acqua viene trasportata dallo strato di ghiaccio all’oceano. Maria-José Viñas / NASA

longform-original-31297-1441450801-3

Gnu e zebre si preparano ad attraversare un fiume nel Masai Mara come parte di una migrazione annuale che vedrà migliaia esemplari in viaggio dal Serengeti al parco nazionale del Masai Mara. Carl De Souza / AFP / Getty Images

longform-original-21970-1441450323-3 (1)

La navicella spaziale Soyuz TMA-18M nel momento del lancio, che porta gli astronauti Andreas Mogense, Aidyn Aimbetov e il comandante Sergei Volkov alla Stazione Spaziale Internazionale. Stephane Corvaja / ES

longform-original-9645-1441450883-3

Il Lago Amadeus, nel Northern Territory in Australia, nella foto scattata da Sentinel-2A satellitare dell’Agenzia Spaziale Europea. Dati Copernico Sentinel (2015) / ESA

longform-original-14762-1441451338-3

Un Sillgrissla salvato siede in una rete presso il Bird International Rescue a Fairfield, in California. E ‘stato ipotizzato che le temperature più calde nel Pacifico potrebbero aver guidato i pesci che gli uccelli mangiano in acque più profonde. Justin Sullivan / Getty Images

longform-original-27948-1441451048-3

Questa immagine è stata rilasciata dall’European Southern Observatory in celebrazione dei 15 anni del suo Very Large Telescope. Mostra un gruppo di nubi di polvere conosciute come globuli di Thackeray che si stagliano contro il gas incandescente della nursery stellare. IC 2944. ESO / eso.org

Via | buzzlife

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.