Fantasmi, il fenomeno

Creature fluttuanti che indossano un sudario, rumore di catene, strane creature senza teste che vagano nel’oscurità, sono queste le apparizioni che solitamente vengono definite fantasmi (o spettri).

L’origine

Il fenomeno dei fantasmi è forse il più antico fenomeno inspiegabile di cui si abbia traccia. È vecchio almeno quando l’uomo, esattamente i fantasmi hanno iniziato a popolare immaginazione umana dal momento in cui l’uomo ha capito di essere mortale. Come la credenza in un mondo nell’aldilà ha aiutato l’uomo a dare un significato a questa vita terrena, così i fantasmi rappresentano la volontà dell’uomo di rimanere, in qualche modo, legato a chi è passato a miglior vita.

Infatti, nelle credenze popolari i fantasmi sono le apparizioni delle persone che, pur avendo abbandonato la loro esistenza terrena, hanno ancora qualcosa di irrisolto e quindi non riescono a fare il trapasso all’altro mondo.

Le interpretazioni

Il fenomeno dei fantasmi, essendo il più antico di cui si ha memoria, ha portato a tantissime interpretazioni diverse. Dalla classica che li vede come apparizione di un defunto, c’è chi li interpreta come dei fenomeni telepatici (un doppio di se stessi creato dal cervello in particolari condizioni) e chi, come il famoso cacciatore di fantasmi Peter Underwood , li vede come un effetto di un buco spazio temporale. Questi buchi, che si creano in condizioni ambientali estreme, permettono ai vivi di vedere in un tempo passato.

La scienza

Laddove molti fenomeni hanno avuto alcuni riscontri documentati, anche se non spiegati, a livello scientifico, per i fantasmi non c’è mai stata la possibilità di fare altrettanto e il fenomeno rimane quasi totalmente ignorato dalla letteratura scientifica.

Questo accade in quanto non è mai stato possibile registrare qualcosa che provi, in modo chiaro e definitivo, la loro presenza. I fantasmi, infatti, non si mostrerebbero mai alla presenza di scettici o miscredenti, come d’altronde sono la maggior parte di coloro che dovrebbero dare prove certe della loro esistenza.

Commenti

Articolo precedente
Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.