Ecco perché l’uomo è un superpredatore

Gli esseri umani non avevano davvero bisogno di un altro motivo per sentirsi la specie più importante della Terra, così lontana dalla natura da poter praticamente fare quello che vuole con essa. Tuttavia gli scienziati della British Columbia hanno ufficialmente ribattezzato l’uomo “super-predatore”.

Pur essendo un predatore eccellente non è fresco come sembra. Chris Darimont, uno scienziato che lavora presso l’Università di Victoria, e slcuni suoi colleghi hanno rilevato che non solo gli umani uccidono più animali di altri predatori, ma uccidono anche altri animali adulti – un problema per le specie che vogliono sopravvivere.

shutterstock_67095400-1

Naturalmente, che gli esseri umani siano animali selvaggi che amano cacciare le specie fino al punto della loro estinzione non è una sorpresa, ma questa è la prima volta che gli scienziati hanno esaminato che l’età delle nostre prede differisce da quella degli delle prede altri predatori.

L’indagine globale ha rivelato che gli esseri umani uccidono prede adulte, il capitale riproduttivo delle popolazioni, a tassi molto superiori rispetto altri predatori (fino a 14 volte superiore), con uno sfruttamento particolarmente intenso dei carnivori terrestri e pesci. Dato questo predominio competitivo,  l’impatto sugli altri predatori, e altri comportamenti, gli esseri umani avranno un funzionamento insostenibile come “predatore eccellente” o superpredatore, a meno che non continuino ad alterare i processi ecologici ed evolutivi a livello globale.

Darimont e i suoi colleghi stanno cercando di dire è che gli adulti, soprattutto nelle popolazioni ittiche, tendono a produrre più discendenti degli individui più giovani, e, prendendo di mira il pesce grosso, stiamo facendo del male essenzialmente alla fertilità della popolazione complessiva. Sarebbe più sostenibile, sostengono, invece colpire gli individui più giovani, molti dei quali probabilmente non sarebbero sopravvissuti fino all’età adulta comunque.

In ultima analisi, i ricercatori suggeriscono che noi esseri umani cerchiamo di emulare il comportamento di altri predatori al fine di mantenere lo stesso tipo di equilibrio sostenibile che esiste in natura.

Via | grist

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.