Colture di batteri che ricreano pezzi di cultura

Chi sapeva che la scienza potesse avere un proprio lato artistico? L’American Society for Microbiology ha tenuto il suo primo Agar Art Contest quest’anno. E’ una sfida in cui i microbiologi si sono divertiti a creare opere d’arte con microbi e i germi racchiusi in una capsula di Petri. Gli scienziati di tutto il mondo hanno messo la ricerca e la scienza da parte e hanno presentato quadri famosi ricreato esattamente così come le opere originali.

Gli artisti hanno dovuto seguire le linee guida di sicurezza mentre stavano maneggiando batteri vivi. Il marketing coordinator dell’ASM, Chaseedaw Giles ha detto all’Huffington Post che ha riportato la notizia, che il concorso ha fugato ogni preconcetto secondo cui gli scienziati non sono creativi.

“Penso che questo sia un ottimo esempio delle cose belle che possono venire fuori non mettendo le persone in determinate finestre o caselle e definendole secondo un’etichetta. Esso mostra che l’arte e la scienza possono andare d’accordo.”

Melanie Sullivan ha ricreato ad esempio la Notte stellata di Vincent van Gogh . Se solo Vincent van Gogh avesse potuto vivere per vedere questa riproduzione straordinariamente accurata della sua iconica “Starry Night” – tanto più che, invece di un olio su tela, il lavoro è realizzato con una  capsula di Petri. Perché anche con questi minuti materiali, il cielo notturno con i suoi turbinii ha ancora uno slancio palpabile di vento, la sua nebbia e il suo chiaro di luna.

I microbiologi che rappresentavano la concorrenza sono tuttavia parimenti entrati in contatto con i loro lati culturali più reconditi, per esplorare la bellezza contagiosa dei più infettivi batteri. 

Gli scienziati hanno utilizzato proteine, lievito e altre colture di batteri per creare visioni di fiori, scheletri, farfalle – e persino una mappa di New York City. Qui di seguito potete vedere le foto di questa straordinaria competizione artistica che ha avvicinato arte e scienza.

562541711400002a00c7a418

Maria Eugenia Inda, “Harvest”, composto di Saccharomyces cerevisiae, una specie di lievito

562540881200002e007e56de

Melanie Sullivan ha ricreato la Notte stellata di Vincent van Gogh

5625461b12000026007e56fa

562545f712000026007e56f9

562545f81400002b003c8907

562545f61400002a00c7a429

562541ad12000026007e56e3

Maria Penil, “Cell to Cell”, composto di batteri Seinococcus e Sphingomonas 

562540e21400002200c7a415

Mehmet Berkmen e Maria Penil, “Neuroni”, composto di batteri Nesterenkonia, Deinococcus e Sphingomonas.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.