Animali virali: il centopiedi gigante dalla testa rossa fa inorridire Internet

Non c’è bisogno di essere una diva dello spettacolo per distinguersi su Internet: tutto ciò che serve sono almeno 20 paia di zampe giallo brillante, una testa rossa scintillante e delle zanne velenose. Qualche tempo fa, il Parks and Wildlife Department del Texas (TPWD) ha postato una foto di un centopiedi gigante dalla testa rossa sulle sue pagine social media che soddisfacevano tutti i criteri di cui sopra. L’immagine è diventata in fretta virale. Anche se molte persone hanno reagito con orrore (a quanto pare, i millepiedi giganti colorati sono un vero incubo), questa creatura non mangia la gente o la danneggia seriamente in alcun modo (almeno non di solito).

Tuttavia, i centopiedi giganti dalla testa rossa (chiamati anche Scolopendra) – che possono essere trovati in alcune regioni del sud degli Stati Uniti e del Messico settentrionale – prendono la gente di sorpresa abbastanza spesso, ha detto Ben Hutchins, biologo degli invertebrati presso il TPWD.

giant-redheaded-centipede

In un articolo del 2014  pubblicato sulla rivista TP & W, Hutchins ha spiegato che la scolopendra si rintana in genere sotto le rocce, sotto tronchi e foglie. Ma a volte, questi centopiedi trovano anche rifugio nelle case della gente, dove possono causare il panico, grazie ai loro corpi da 8 pollici di lunghezza (sono lunghi circa 20 centimetri) e le loro decine di gambe (in genere ne hanno da 21 a 23 coppie). Le creature usano le loro numerose appendici per cogliere la preda e trasformarla nella loro alimentazione.

Sebbene questo tip di centopiedi, la Scolopendra Heros, mastica principalmente di invertebrati come insetti e aracnidi, questo millepiedi dalle impressionanti dimensioni è famoso anche per l’abitudine di abbattere prede più grandi, come roditori, serpenti, lucertole, rospi e altri piccoli vertebrati. In cattività, centopiedi giganti dalla testa rossa sembrano preferire tarme alimentari, secondo gli esperti del Museum degli artropodi – il genere a cui questi invertebrati appartengono – presso l’Università dell’Arkansas.

La strana creatura uccide le sue vittime con le sue “zanne”, o forcipules, che si trovano vicino alla sua bocca e contengono ghiandole velenifere che iniettano una tossina nella sua preda sfortunata. Il centopiedi gigante dalla testa rossa è anche predisposto per un altro tipo di caccia: per iniettare veleno nella preda con le sue numerose gambe, che possono anche fare delle piccole incisioni nella pelle umana, secondo quanto riportato da un esperto del Museo degli artropodi.

Una scolopendra compare anche nel libro “I fratelli Karamazov” di Fëdor Dostoevskij, quando, all’interno del capitolo IV del terzo libro, Dmitrij Karamazov racconta a suo fratello Aleša di essere stato vittima del morso di questo artropode, descrivendogli gli effetti sul suo corpo.

Quando uno di questi giganteschi esseri striscianti morde un essere umano, il risultato è di solito piuttosto doloroso, sia secondo il Museo degli artropodi dell’Università dell’Arkansas che il biologo Hutchins. Le vittime di questi morsi da parte dei centopiedi riportano un dolore localizzato e un vistoso gonfiore, ma Hutchins ha detto che le persone hanno anche riportato necrosi cutanea (morte del tessuto), vertigini, nausea e mal di testa, così come Hutchins ha scritto nel suo articolo.

Hutchins elenca anche possibili danni al tessuto muscolare, insufficienza renale e infarto come effetti collaterali rari di alcune persone trasformate occasionalmente in bocconcino da questi giganteschi millepiedi. Un case report pubblicato nel 2006 all’interno di una prestigiosa rivista medica, l’Emergency Medical Journal, cita un morso da un millepiedi, probabilmente del genere Scolopendra, come la causa di infarto miocardico acuto (attacco di cuore) in un uomo sano di 20 anni. Se proprio il centopiedi gigante dalla testa rossa è stato responsabile di questo sfortunato evento non è indicato nella relazione.

Dunque, se capitate davanti ad uno di questi millepiedi giganti, prestate attenzione alle parti del corpo colorate. Conosciuta come colorazione aposematica, o colorazione di avvertimento, i colori brillanti del critter servono a mettere in guardia i predatori sul fatto che, mentre dall’esterno una Scolopendra heros potrebbe apparire piuttosto gustosa, in verità si tratta davvero di un piacere piuttosto velenoso. Uomo avvisato mezzo salvato.

Via | livescience

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.