Statistiche e fatti noti del fumo

Decidere di smettere di fumare deve essere una risoluzione che arriva dall’interno del fumatore, che deve decidere per se stesso e per i benefici che questo porterà alla sua vita. Ma anche conoscere alcuni fatti noti e meno noti sul tabagismo e i suoi rischi può dare un contributo a questa decisione.

Di seguito ci sono alcuni risultati delle più recenti statistiche sul fumo e sui fumatori che potranno essere di molto aiuto a tutti coloro che hanno voglia di dire basta, una volta per tutte, alle sigarette.

Tra i bianchi, il 25,1% degli uomini e il 21,7% delle donne fumano.

Tra gli afro-americani il 27,6% degli uomini e il 18% delle donne sono fumatori.

Tra gli asiatici fumano il 21,3% degli uomini e il 6,9% delle donne.

Tra gli ispanico-latini, è il 23,2% degli uomini e il 12,5% delle donne a fumare.

Tra gli indiani americani / nativi dell’Alaska, il 32% degli uomini e il 36,9% delle donne fumano.

1 morte ogni 5 cinque è causata dal tabacco.

Si stima che il tabacco è responsabile di 400.000 morti negli Stati Uniti ogni anno.

Le sigarette sono responsabili di circa il 25% delle morti per incendi domestici, causando quasi 1.000 morti e 3.300 feriti ogni anno per incendio.

Il tabacco è responsabile di molte gravi malattie cardiovascolari e polmonari.

La nicotina e il tabacco sono tra i più potenti cancerogeni e sono responsabili della maggior parte di tutti i tumori del polmone, della laringe, della trachea, dell’esofago e dei bronchi.

Il fumo di tabacco è noto per causare il cancro del pancreas, del rene, della vescica e della cervice.

Dato che il tabacco riduce il flusso sanguigno, la dipendenza da nicotina ha dimostrato di causare anche impotenza.

Se fumate, il rischio di malattie respiratorie è elevato. Questo potrebbe portare a malattie polmonari come la malattia polmonare ostruttiva cronica e la polmonite, che sono responsabili di circa 85.000 morti ogni anno.

I bambini e gli adolescenti che sono fumatori attivi avranno malattie respiratorie sempre più gravi, via via che invecchiano.

Il fumo durante la gravidanza aumenta il rischio di aborto spontaneo e ritardo della crescita fetale. Essa provoca anche circa 5-6% dei decessi prenatali, 17-26% di basso peso alla nascita nascite, e il 7-10% di nascite pre-termine.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.