Prevenire il tumore con una sana alimentazione

Un altro passo in avanti nella lotta ai tumori, stilato dal Fondo Mondiale per la ricerca, è il risultato dell’ analisi complessiva di tutte le relazioni mediche redatte finora, che mettono in relazione cancro e dietetica.

La prima regola da seguire per difendersi dall’ insorgere del male, è quella di mantenere una forma fisica asciutta, nel corso di tutto l’arco della vita.

Per farlo è necessario abbandonare le abitudini legate ad uno stile di vita sedentario, come prendere l’ascensore o servirsi sempre di mezzi di trasporto rinunciando al movimento, a cui  bisogna dedicare più di trenta minuti al giorno, camminando a passo sostenuto o pedalando con la bicicletta.

Eliminare dalla nostra dieta bevande zuccherine o con l’aggiunta di bollicine, ed abolire l’ assunzione di alimenti eccessivamente unti o troppo salati, e i prodotti confezionati.

Mangiare preferibilmente molte verdure, accompagnate dai carboidrati e dalle proteine, facendo attenzione a scegliere i cereali non raffinati e le proteine vegetali, come ad esempio ceci, fagioli, lenticchie, piselli e fave.Non superare la dose di mezzo chilo di carne rossa, indipendentemente se manzo, maiale o agnello, soprattutto se inscatolata o conservata in altro modo, ed abolire gli insaccati.

Non superare la soglia del bicchiere di vino, da consumare esclusivamente per accompagnare il pranzo o la cena.Usare poco sale per condire gli alimenti.

Variare la dieta, evitando di far ricorso agli integratori.Nutrire il neonato con il latte materno almeno fino al mezzo anno di età.

Considerare valida la dieta preventiva anche da parte di chi ha già avuto un tumore,  rispetto all’ipotesi di una recidiva.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.