Nefrite interstiziale e nefropatia tubulo interstiziale

Nefrite interstiziale e Nefropatia tubulo interstiziale sono due malattie di livello neurologico. Per conoscerne vanno studiati i sintomi, le cause e le eventuali terapie da seguire per sconfiggerle. 

Nefrite interstiziale e nefropatia tubulo interstiziale: i sintomi

La sintomatologia per quanto concerne Nefrite interstiziale e Nefropatia tubulo interstiziale è varia e si articola in base a tempi differenti, vincolati alla rapidità di progressione della patologia. In genere i sintomi sono: deficit nella funzione renale, con mancato riassorbimento di varie sostanze che vengono perse (sodio, potassio, fosfati, aminoacidi, glucosio, proteine ecc.), la perdita della capacità di concentrare le urine e lo sviluppo di una acidosi metabolica ipercloremica. Nella maggior parte dei casi, il danno tubulare si ripercuote sui glomeruli e si verifica un’evoluzione verso l’insufficienza renale.

Nefrite interstiziale e nefropatia tubulo interstiziale: le cause

Processo infiammatorio a carico dell’interstizio renale. Esistono svariate tipologie di nefropatie a scenda della causa scatenante: nefropatie tossiche (analgesici, FANS, metalli, mezzi di contrasto, antibiotici ecc.), nefropatie metaboliche (gotta, iperparatiroidismo primario, iperaldosteronismi primario, mieloma ecc.), nefropatie infiltrative (mieloma, leucemie, linfomi, amiloidosi ecc.), nefropatie immunologiche (ipersensibilità a farmaci, cirrosi biliare primitiva ecc.), nefropatie infettive (pielonefriti acute e croniche, TBC renale ecc.), nefropatie ostruttive (calcolosi, stenosi delle vie urinarie ecc.) ecc.

Nefrite interstiziale e nefropatia tubulo interstiziale: la terapia

Si deve immediatamente eliminare il fattore determinante e recuperare la funzione renale, monitorandone l’andamento nel tempo. Solo in alcuni casi si ricorre all’asportazione chirurgica del rene (nefrectomia). Quando il danno funzionale è irreversibile, la terapia è quella propria dell’insufficienza renale.

Commenti

Articolo precedente
Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.