Laringite

Una tra le più famose malattie respiratorie è senza ombra di dubbio la Laringite

Laringite: i sintomi

Generalmente una Laringite ha la seguente linea sintomatologica come background: perdita o voce debole, forte tosse, difficoltà a deglutire, talvolta febbre. Questo in particolar modo accade nella sua forma più leggera.

La laringite acuta, invece, ha tutt’altra tipologia e sintomatologia. Essa si manifesta nelle forme catarrale, edematosa, suppurativa o pseudomembranosa; la sintomatologia consiste in raucedine, disfonia, tosse secca e stizzosa, edema della mucosa che può giungere alla compromissione respiratoria (laringite acuta ipoglottica infantile soffocante, laringite soffocante complicata). Per quanto concerne la forma di Laringite cronica i sintomi sono disfonia, tosse, parestesie laringo-faringee, rara dispnea. Ci sono poi laringiti croniche specifiche (in corso di tubercolosi, sifilide, scleroma) e papillomatosi multiple, che alternano nella loro sintomatologia disfonia, dispnea e disfagia, a seconda delle parti interessate.

Laringite: le cause

Tra le cause che provocano una Laringite menzioniamo infiammazione della laringe o delle corde vocali, in riferimento al 90% dei casi in cui è un virus a innescare l’annoso meccanismo. Alle volte può capitare invece che infezioni di origine batterica siano il fattore scatenante, un pò come succede per la difterite.

La laringite è spesso legata a doppio nodo a Faringite o Tonsillite. Alcune categorie professionali sono più esposte. La Laringite cronica aspecifica ha come condizioni predisponenti: malattie dell’età infantile, carenze vitaminiche (vitamine A e del gruppo B) , gravidanza, malattie del ricambio (diabete mellito, gotta), errate impostazioni vocali, inquinamento dell’aria, fumo, infiammazioni laringee recidivanti o croniche. Sono, invece, cause scatenanti: processi infiammatori acuti o recidivanti laringei e processi suppurativi cronici naso-sinusali; ci sono forme diffuse e circoscritte.

Laringite: la terapia

Nella forma acuta la terapia è sintomatica e consiste nella sedazione della tosse e nell’idratazione del cavo orale e delle prime vie aeree con inalazioni balsamiche, vitamine, cortisonici e antibiotici solo se è stato provato un coinvolgimento batterico (succede soprattutto in bambini e anziani). Nelle forme soffocanti, la terapia è chirurgica (tracheotomia). Per le forme croniche la terapia è causale.

 

Commenti

Articolo precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.