Genitori omosessuali

Può capitare di avere due papà o due mamme. Per molti è una forte digressione rispetto ai modelli familiari standard. L’amore per un bambino, però, non cambia. Ecco cosa raccontare ai figli che hanno genitori omosessuali.

Può succedere che due padri, innamorati, decidano di crescere un bimbo adottato. Oppure può succedere che due madri decidano di fare l’inseminazione artificiale per avere un figlio e crescerlo. Le coppie omosessuali, spesso ostracizzate in virtù della morale cattolica e dell’etica dei giorni nostri, sono in netto aumento.

I loro figli sono considerati portatori di esperienze diverse. Ma cosa cambia realmente? Le coppie gay fanno di tutto per non far sentire diversi i loro pargoli. Parlano agli insegnati dei propri bambini, come qualsiasi genitore, e si assicurano come gli altri che i figli non abbiano problemi psicologici. Fanno in modo che la loro situazione non rappresenti un problema per i piccoli. Si trovano a fare i conti con dirigenti scolastici bigotti (quando le scuole vengono gestite in prospettiva aziendale e dirigenziale), ma anche con ottimi pedagoghi, capaci di affrontare al meglio situazioni che potrebbero dar vita a conseguenze brutte per i bambini.

Spesso, anzi, i maestri individuano nella specialità dei bimbi nati da coppie omosessuali un buon viatico per aprire gli orizzonti culturali e mentali al resto della classe. I compagni come reagiscono? Il loro è un fare molto ricettivo, tale da adeguarsi agli input che arrivano dagli adulti.

Commenti

Articolo precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.