Garcinia cambogia: tutto quello che devi sapere

Sui giornali femminili, sui blog di alimentazione, sulle riviste erboristiche e soprattutto sui forum dedicati alla perdita di peso: la Garcinia cambogia negli ultimi mesi ha conquistato sempre più spazio online e offline ed è diventata il principale rimedio erboristico utilizzato in caso di diete dimagranti. Grazie soprattutto alla sua capacità di sciogliere i grassi e di “costringere” l’organismo” ad utilizzare quelli già immagazzinati sotto forma di adipe.

Ma che cos’è in realtà la Garcinia cambogia, questo rimedio erboristico di cui si sente tanto parlare, e quali sono le proprietà e gli effetti collaterali di tale pianta? Ecco una piccola guida che può aiutarti a conoscere quello che ancora non sai sulla garcinia cambogia.

Garcinia cambogia: tutto quello che devi sapere

Garcinia cambogia: che cos’è

La Garcinia cambogia è una pianta originaria dell’Indonesia che prolifera nelle zone sub – tropicali del globo. Il suo nome deriva infatti dalla regione indonesiana della Garcinia ma altrove è conosciuta anche come “tamarindo del Malabar”. In Oriente è nota soprattutto per la produzione di frutti abbastanza grandi di colore verde che vengono utilizzati nella cucina tradizionale indiana e indonesiana. In Occidente, invece, è maggiormente conosciuta per il principio attivo estratto dalla buccia dei suoi frutti, che sembra favorire lo scioglimento dei grassi in eccesso e la perdita di peso. Alcune proprietà di questa pianta sono però ancora da verificare a livello scientifico.

garcinia cambogia

Ciononostante, da questa pianta vengono ricavati diversi tipi di integratori, attualmente utilizzati come coadiuvanti in moltissime diete che hanno come fine la perdita di peso e la riduzione della massa grassa. Sembra infatti che l’assunzione dei prodotti ricavati da questa pianta contribuisca ad aumentare il senso di sazietà. La situazione, tuttavia, si dimostra a volte più complessa di così: non è infatti detto che l’aumento del senso di sazietà riesca a produrre automaticamente una perdita di peso significativa sull’organismo.

Garcinia cambogia: proprietà

Quali sono quindi le proprietà che di norma si ascrivono alla garcinia cambogia e che l’hanno resa così famosa tra i rimedi naturali? Oltre ad aumentare il senso di sazietà a questa pianta si ascrive anche la capacità di:

  • equilibrare il metabolismo dei grassi nell’organismo
  • avere proprietà lievemente lassative.

La prima funzione è resa possibile in virtù della presenza, all’interno della pianta, dell’acido idrossicitrico, in chimica definito attraverso la sigla HCA, che in molte specie animali ha il potere di ridurre il senso di fame e di conseguenza interagisce con il metabolismo dei grassi. Il suo sapore è in effetti acido e come afferma anche la medicina indiana tradizionale, tutti i sapori acidi favoriscono la digestione. Non tutti gli studi scientifici hanno confermato però questa teoria. A volte la riduzione dell’appetito, soprattutto nella specie umana, viene ricondotta ad un calo soggettivo del senso di fame.

garcinia cambogia effetti collaterali

Alcuni studi scientifici hanno infatti rilevato che se utilizzato come agente anti – obesità, l’acido idrossicitrico, il suo principio attivo, non produce risultati più alti di quelli di un farmaco placebo.

Tra le altre proprietà che vengono ascritte alla garcinia cambogia c’è infine anche quella di abbassare i livelli dei trigliceridi e del colesterolo LDL (il cosiddetto cattivo) e di innalzare il colesterolo HDL (il colesterolo buono).

4 semplici rimedi per abbassare il colesterolo

Come funziona la garcinia cambogia

Ma come funziona in realtà l’acido idrossicitrico all’interno del nostro organismo? Qual è la sua azione specifica? L’HCA, che assomiglia all’acido citrico del limone, ha la capacità di inibire l’azione di un enzima chiamato citrato liasi, che nel nostro corpo entra in gioco nel metabolismo dei grassi. Se i grassi non vengono metabolizzati, non si vengono a creare altre sostanze da accumulare nei depositi adiposi del nostro corpo e il nostro organismo è costretto a fare appello e quindi ad utilizzare le risorse già presenti, i depositi adiposi formatisi in precedenza.

Il principio attico della garcinia cambogia, l’HCA, viene estratto a quanto pare in dosi maggiori dalla buccia dei frutti della pianta. E questi ultimi hanno anche il potere di alzare i livelli di un altro ormone implicato dal nostro metabolismo: la serotonina, complice nel gestire il senso di fame e di sazietà.

Garcinia cambogia: dosi consigliate

Se si vuole quindi beneficiare di queste proprietà della garcinia cambogia quanta se ne deve assumer? Per quanto riguarda le dosi consigliate, per ottenere gli effetti di dimagrimento e di metabolizzazione dei grassi sopra indicati sarà necessario assumere circa 500 mg di principio attivo prima dei tre pasti principali della giornata – da un’ora a 30 minuti prima. Nel solo caso della colazione può essere assunta anche 15 minuti prima. Gli integratori attualmente in commercio rendono facile il rispetto delle dosi perché la maggior parte delle compresse prodotte sono già adeguate, ma la reale efficacia delle dosi in tutti i casi non è stata ancora convalidata dalla ricerca scientifica.

L’assunzione di integratori a base di garcinia cambogia è consigliata con una posologia giornaliera ma per periodi di tempo non troppo prolungati.

garcinia cambogia proprietà

Gli integratori a base di garcinia cambogia spesso promettono un dimagrimento molto rapido. Ma come è noto, in fatto di perdita di peso spesso non basta utilizzare un integratore per raggiungere gli obiettivi prefissati, ma è inoltre necessario regolare la dieta e svolgere una maggiore attività fisica, come anche fare tutto questo dietro consiglio di un medico esperto.

Garcinia cambogia: effetti collaterali

La garcinia cambogia che viene venduta in erboristeria ha comunque ricevuto l’approvazione del Ministero della Salute, come anche la maggior parte degli integratori che si possono trovare facilmente in commercio ed è quindi un prodotto sicuro da assumere per quanto riguarda l’insorgenza di possibili effetti tossici.

Tra gli effetti collaterali più blandi sono ricordati mal di stomaco, diarrea, secchezza delle fauci e mal di testa. L’assunzione è sconsigliata per i pazienti diabetici e per coloro che soffrono di ipercolesterolemia, nonché in gravidanza e allattamento.

Ci si può interrogare maggiormente sulla sua reale efficacia, ovvero sull’assunzione e sull’immissione nel proprio organismo di alte quantità di una sostanza acida le cui proprietà nel metabolismo dei grassi non sono scientificamente provate. Il secondo lato negativo dell’utilizzo della garcinia cambogia è il suo alto costo. Gli integratori che si possono trovare oggi in commercio sono piuttosto cari in rapporto ad altri rimedi naturali dalla funzione simile, come il mate o il tè verde.

Yerba mate: tutte le proprietà e i benefici per la salute

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.