Dormire bene ci mantiene in forma

La forma fisica passa anche dalla sveglia.

Le abitudini di sonno e veglia infatti sono un indice importante nel mantenimento del peso forma.

Si tratta di una norma già conosciuta: il riposo aiuta a regolare, oltre al sistema nervoso, anche il metabolismo.

Così, chi resta sveglio fino a tardi rischia di essere obeso e meno atletico di chi è più mattiniero.

A confermare quello che è sempre stato un sentire comune, arriva l’ultima ricerca condotta, questa volta, presso l’Università del Sud Australia, che dimostra che non è tanto la durata del sonno, quanto l’ora in cui si va a dormire ad avere un effetto nocivo sulla salute.

Andare a letto tardi non è salutare, soprattutto in tenera età, ma anche poltrire la mattina contribuisce ad  aumentare il rischio obesità.

Non si può essere categorici in quanto lo studio è solo a un punto di partenza, non è ancora stato chiarito quali siano i meccanismi e le relazioni tra gli orari di veglia e sonno e l’aumento eccessivo di peso.

Sicuramente i bambini che vanno a letto presto hanno in genere una serie di abitudini di vita sana, quindi risulta difficile circoscrivere al solo ciclo del sonno la causa dell’obesità, ma è certo che bisogna ricordare che i ritmi dei bambini sono diversi da quelli degli adulti e vanno rispettati.

Commenti

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.