I disturbi psicosomatici

Le persone che soffrono di disturbi psicosomatici presentano un certo numero di problemi e sintomi fisici con i test medici che non indicano alcuna malattia organica o, nel caso c’è una malattia, questa non riesce a spiegare i loro sintomi. L’origine di questi sintomi è quindi di natura psicologica.
Queste persone spesso non accettano che non ci sia una base organica del loro problema e ritengono che i loro sintomi siano dovuti a una malattia fisica. Quindi non accettano la possibilità di una base psicologica del loro problema. I sintomi dei disturbi psicosomatici compaiono soprattutto nei periodi di stress.
Per diagnosticare questo disturbo i sintomi devono essere abbastanza gravi da interferire con la vita normale di queste persone e impedirne il normale funzionamento ad esempio nel lavoro o nelle relazioni.
Secondo alcune ipotesi sull’origine dei disturbi psicosomatici, alla base ci potrebbe essere un rifiuto reale o immaginato di altri problemi significativi. Il dolore e i sintomi fisici avrebbero quindi la funzione di richiamare l’attenzione di queste persone su se stesse per nascondere altri problemi. Questa è una dinamica inconscia che se non si conosce porta ad aumentare le difficoltà della situazione.
Secondo alcuni ricercatori, c’è una componente di apprendimento nel disturbo psicosomatico che riguarda il rapporto del bambino con i genitori. Questi hanno mostrato che il problema è più comune nelle persone in cui i genitori hanno sofferto di disturbi psicosomatici durante la sua infanzia. Se i genitori hanno avuto un beneficio da questi sintomi, i bambini imparano a comportarsi in un modo simile utilizzando i sintomi fisici per attirare l’attenzione e l’affetto su di sé ed evitare le situazioni di stress.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.