Conosci il reflusso gastroesofageo? Attenzione al Natale!

Indigestione e reflusso gastroesofageo sono problemi di particolare frequenza soprattutto a Natale, quando un flusso costante di cibo e bevande è pronto a tentarci”, dice GP alba Harper.  Cibi e bevande di cui periodo è particolarmente ricco, vengono spesso consumati fino a tarda notte. Non bisogna preoccuparsi ovviamente di un attacco occasionale però – mette a disagio, ma è improbabile che faccia alcun danno reale. 

Ma l’indigestione e il reflusso gastroesofageo possono essere un buon indicatore che è necessario mantenere la calma e tenere a freno le indulgenze.
Indigestione e reflusso acido sono particolari problemi a Natale Allora, qual è la differenza?

human-digestive-system-163714_960_720

Il reflusso gastroesofageo, racconta Express, è una condizione piuttosto che un sintomo. E’ causato dal riflusso dell’acido dello stomaco nell’esofago. Esso  provoca un gusto sgradevole nella parte posteriore della gola o della bocca e può presentare qualunque dei sintomi di indigestione seguito elencati.

L’indigestione è un sintomo o un insieme di sintomi. Si può presentare come dolore o fastidio allo stomaco (dispepsia), o come bruciore o fastidio dietro lo sterno (bruciore di stomaco), nausea, gonfiore, flatulenza e / o eruttazione.

Spesso è un effetto collaterale del mangiare troppo, del mangiare cibi piccanti o ricchi di grassi o del bere troppo alcol e può essere un sintomo del reflusso acido.

Quando fare un controllo

Uno di noi su cinque soffre di reflusso acido, almeno una volta alla settimana, secondo i dati del NHS anglosassone, mentre uno su 10 ne soffre su base giornaliera.

Questo tipo più frequente di attacco è una condizione nota come malattia da reflusso gastro-esofageo che in genere richiede un farmaco per il trattamento, piuttosto che cambiamenti nella dieta da soli.

“La maggior parte di noi vive l’esperienza dell’indigestione o del reflusso acido a un certo punto, ma se i sintomi persistono per due o tre settimane, è importante consultare un medico per ottenere una diagnosi”, spiega Dawn.

Il tuo medico controllerà la presenza di eventuali problemi di salute di base e può indicare l’effettuazione di prove, come un’endoscopia: un sottile tubo flessibile con una telecamera alla fine si fa scendere nella gola nelloe  stomaco per valutare quello che sta succedendo. Questo aiuta a escludere o diagnosticare patologie gravi come il cancro esofageo.

Commenti

Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.