Come diventare consapevoli del proprio corpo

Non è certamente una notizia nuova quella secondo cui il benessere fisico si accompagna frequentemente al benessere psicologico.

Come dicevamo altrove, non bisogna pensare che i due aspetti siano in correlazione diretta:

si può stare in forma fisica perfetta e sentirsi depressi così come si può avere tranquillamente un pò di pancetta ma essere sereni e felici della propria esistenza.

Senza cadere in facili luoghi comuni, possiamo certamente dire che:

una buona consapevolezza del proprio corpo sicuramente sia un buono strumento per poter raggiungere un proprio equilibrio personale. Non a caso sono moltissime le discipline che si occupano del cosidetto rapporto mente-corpo: basti pensare allo Yoga, al Tranining Autogeno, al Rilassamento Progressivo o anche alla Danza Terapia.

All’origine di tutte queste discipline c’è un comune denominatore:

ovvero che la consapevolezza del proprio corpo è alla base della consapevolezza delle proprie emozioni e dunque della propria esistenza. Quando una persona diviene consapevole del proprio corpo può avere maggior potere personale, maggiore sicurezza interiore ed una più accresciuta autostima.

Ma con esattezza, cosa significa essere consapevoli del proprio corpo?

Innanzitutto ciò significa essere consapevoli di svariati elementi:

consapevolezza della propria respirazione, delle proprie tensioni muscolari, del proprio schema corporeo e dunque della propria postura, del proprio modo di esperire il proprio fisico.

Una persona “tesa” non lo sarà solo psicologicamente, ma avvertirà questa tensione anche a livello corporeo:

i muscoli saranno tesi, la respirazione veloce e poco profonda, la postura complessiva risulterà rigida e ingessata. La persona in questione potrebbe, attraverso uno dei metodi indicati, rilassare il proprio tono muscolare, ritrovando una respirazione più profonda e meno frammentata e di conseguenza, attraverso la consapevolezza corporea combattere le tensioni interiori.

Un tipo di Psicoterapia che coniuga in questo senso l’analisi di vissuti psicologici con le tensioni corporee è la Bioenergetica di Alexander Lowen.

Attraverso una serie di tecniche ed esercizi la Bioenergetica punta a far ritrovare un equilibrio interiore attraverso un maggior equilibrio fisico:

l’analisi della postura insieme allo sblocco di specifiche contratture muscolari permette al paziente di accedere a un migliore benessere psicofisico e al piacere del vivere che la persona ha perduto per via dello stress della società moderna.

Un’altra disciplina particolarmente utile, sebbene meno nota al grande pubblico, è l’Antiginnastica:

attraverso una serie di esercizi mirati, piuttosto particolari, si mira a far prendere consapevolezza delle tensioni corpore e a distenderle ritrovando benessere, agilità ed energia personale.

Ovviamente gli esercizi per la consapevolezza corporea non mirano a “riuscire” in questo o quel movimento particolare, ma ha come obiettivo che la persona percepisca le emozioni connesse ad esse.

Nonostante il fatto che in giro, negli scaffali delle librerie, ci siano numerosi libri che insegnino come utilizzare questi esercizi, consigliamo comunque sempre di affidarvi ad un esperto che possa guidarvi passo passo alla scoperta e alla consapevolezza di voi stessi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.