Vite allo specchio: 15 ritratti di persone che lavorano nelle forze armate

Le vite delle persone allo specchio possono sembrare molto diverse da come normalmente appaiono. Questa affermazione diventa ancora più vera se si confronta la vita professionale con quella privata, e ancora di più, per alcuni tipi di professioni, come quelle delle forze armate o delle forze dell’ordine. 

Quando si vede ad esempio un soldato con la sua divisa, è facile che questa immagine evochi idee su come la sua vita quotidiana potrebbe essere. Vederli vestiti di blu o con la mimetica o ancora con l’intero equipaggiamento militare, contribuisce ad evocare immagini di guerra, di fatiche e di combattimenti, come anche l’abbigliamento può dare l’impressione che essi siano eroi al di sopra o al di là della vita, completamente invincibili, sempre pronti all’ubbidienza e al dovere, come diretta conseguenza degli effetti del lavoro effettivo che devono svolgere.

E mentre sicuramente si tratta di eroi, la realtà della situazione di un soldato dopo il ritorno a casa è spesso un molto lontana dagli stereotipi comuni, quelli che li vogliono in ogni circostanza uomini duri e inflessibili, custodi della sicurezza nazionale.

Per molti soldati, tornare a casa alla fine del servizio militare è invece una sfida, se non altro perché devono trovare il modo di conciliare le due parti della loro vita: quella di soldato, e quella civile. Questa esperienza è ciò che ha ispirato il Veteran Art Project, una serie di foto che cerca di trasmettere parti della vita dei veterani che sono spesso trascurati.

Questo progetto fotografico è stato creato da Devin Mitchell, uno studente presso l’Arizona State University. Per realizzare ogni foto scatta in genere due immagini: una del soggetto in uniforme militare, e l’altra nel suo abbigliamento normale. Utilizza poi Photoshop per combinare le due cose. Le foto di Mitchell inviano un messaggio forte circa la realtà della vita di ogni soldato che fa ritorno a casa – e alcune fanne davvero pensare.

15 ritratti di persone che lavorano nelle forze armate

lifebuzz-25222168e330f429b724bb2c2d97dcdf-limit_2000

lifebuzz-c1c14a120db8f22c235dbc4e84e0419b-limit_2000

lifebuzz-20f2777b47d733c5602e2b714d06ceff-limit_2000

lifebuzz-2c9d17652ec6803680a0190092da5be4-limit_2000

lifebuzz-b086a6c1c6b025b76fad0ba4423d1e58-limit_2000

lifebuzz-7e575dad144e1eb060f3dc18011561d4-limit_2000

lifebuzz-e74fd13b0aa5c82d577085f6773922e5-limit_2000

lifebuzz-9bc36749542d3fa179a592cf197ea1ef-limit_2000

lifebuzz-e3119999d9cab91631fdf04ce1dde4cf-limit_2000

lifebuzz-634a04bc0abf782585149128cb567994-limit_2000

lifebuzz-1c09520a35fd25ade2c884d48b8a0a3f-limit_2000

lifebuzz-8e186b80ff160de64120fef8e7ad27fe-limit_2000

lifebuzz-0d855bfc1f2ce056ffb8f4de978a0fd8-limit_2000

lifebuzz-23f11577a8cf5c52a9cf4a2ca21e4ee9-limit_2000

lifebuzz-c341fe602927ff0fec68085f4049f5ae-limit_2000

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.