Strada chiusa? Gli inglesi in coda la trasformano in un luna park

Se la strada è chiusa si gioca a rugby! L’espressione massimo dello spirito britannico, in una foto emblematica!

Diciamolo, in Italia siamo abituati alle code chilometriche e le dicerie su quello che si fa sulla Salerno-Reggio Calabria intasata per ingannare il tempo, sarebbe sufficiente per riempire decine di libri. In Inghilterra accade grosso modo la stessa cosa. Con l’esodo estivo si è creata una bella fila sull’autostrada M5 e la situazione si è aggravata quando gli automobilisti hanno appreso che c’era una donna in bilico sul ponte e per questo la strada era addirittura chiusa. Non si sono persi d’animo e hanno trasformato l’autostrada in un parco giochi: chi ha portato a spasso i cani, chi ha tirato qualche calcio a pallone, chi con molta più creatività, si è messo a giocare a rugby.

In questa vicenda, in questa foto, ci sono tanti elementi che vanno considerati insieme. In primo luogo si tratta di constatare l’investimento che ha fatto il Regno Unito nel turismo: 1.3 bilioni di sterline per avere poi in strada circa 20 milioni di automobilisti. Una folla di persone in viaggio che non era stata affatto prevista. Fino a che si era soltanto imbottigliati, c’era poco da fare se non scambiare quattro chiacchiere con chi ha condiviso la sfortuna dell’imbottigliamento.

Quando però la strada è stata chiusa in entrambi i sensi di marcia e in uno di questi non c’erano vetture, allora è venuta fuori tutta la voglia di normalità di questo popolo così preciso e disabituato al disordine e al caos che spesso si attribuisce in via esclusiva alle strade del nostro Paese.

37925C9700000578-3757943-image-a-38_1472126326315

19 miglia di coda e poi l’apprensione per la donna sul ponte sono stati sufficienti a bloccare l’esodo inglese. La M5 è stata bloccata in entrambe le direzioni tra le uscite 26 e 27, vicino a Wellington, poco prima delle 11. Migliaia di auto, roulotte e camion sono rimasti bloccati. Sono passate quasi due ore prima che la strada fosse riaperta. La circolazione è ripresa alle 12.45, quando si è diffuso il comunicato che anche la donna sul ponte era ormai al sicuro.

Il traffico ha eliminato ogni certezza riguardo la solita tranquilla vacanza. Il classico spostamento degli inglesi verso il sud-ovest ha subito una battuta d’arresto. Sul posto c’era un fotografo, Lawrie Richardson di 31 anni che ha fotografato la scena vicino allo svincolo 25 a Taunton:

“Mi ha colpito come avesse trovato espressione il tipico spirito britannico. La parte più bella della scena è stata rappresentata dai ragazzi che hanno improvvisato una partita di rugby per far passare il tempo.”

Che poi stando alle previsioni non è nemmeno il miglior fine settimana dell’estate: la pioggia che in Italia scoraggerebbe perfino una breve passeggiata, figurarsi un viaggio fuori porta, è stata meglio digerita dagli inglesi che armati di kway non hanno abbandonato il buon proposito di concedersi il giusto relax prima della nuova “stagione” lavorativa. Anche perché le previsioni parlano chiaro: ci sarà una nuova ondata di caldo nel fine settimana. I temporali sono già acqua passata.

Foto di FlameFlynet.uk.com

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.