S’innamora della mamma naturale dopo averla ritrovata con Facebook

Incontra la mamma naturale dopo 14 anni e se ne innamora. La storia “impossibile” di Shane e Rose.

Una ragazza madre di 15 anni che era stata costretta a dare il figlio in adozione. Un figlio che non si è mai dimenticato di lei e l’ha cercata, aiutandosi con i social media. E così sono tornati ad abbracciarsi ma lui si è perdutamente innamorato della vera madre. E ora che si fa?

Sembra una storia da telenovelas, invece è una storia vera. Lui si chiama Shane Burke e ha 19 anni. Sfruttando la potenza di Facebook è riuscito ad entrare in contatto con la donna che lo ha messo al mondo e poi l’ha dato in adozione all’età di 5 anni o poco più. Sono passati 14 anni dal giorno in cui si sono lasciati. La giovane madre, Rose Bestall, era stata costretta a dare in adozione questo figlio avuto troppo presto. Peccato che il loro incontro sia stato diverso da come lo immaginavano e Shane, a posteriori, ha dichiarato di essere innamorato della madre naturale. Probabilmente è una condizione psicologica che con il tempo cambierà ma al momento è proprio attratto sessualmente dalla ragazza che lo ha messo al mondo e poi è stata costretta a darlo in adozione.

rosebestall

Rose Bestall con il suo attuale marito Darryl

Doveva essere un incontro, come ce ne sono tanti, tra un genitore e un figlio che si ritrovano dopo tanti anni. Un incontro in cui tutti sono intenzionati a recuperare il tempo perduto. Ma forse lo stress emotivo è stato esagerato e il ragazzo si è detto subito confuso. L’ha vista, hanno partecipato insieme ad un karaoke in un locale e lui ha ammesso cantando di essere attratto e innamorato della madre.

Rose Bestall con il figlio Shane dopo 14 anni

Rose Bestall con il figlio Shane dopo 14 anni

La signora Bestall ha fatto la sua dichiarazione al Sundy People dicendo che è stata spiazzata dalla dichiarazione d’amore del figlio ma ne era tuttavia consapevole:

“Sapevo che i sentimenti di Shane erano del tutto inadeguati ma l’avevo cercato a lungo e non avevo nessuna voglia di allontanarlo una seconda volta. Gli ho detto che il mio era ed è un amore incondizionato, come quello che provano le madri verso i figli ma il nostro rapporto non potrà mai essere diverso da questo”.

Shane per tutta risposta ha spiegato che per 19 anni si è sentito incompleto. Si è sempre chiesto chi fosse sua madre, cosa facessero adesso i suoi genitori naturali, se avesse dei fratelli o delle sorelle in giro per il mondo. Ad un certo punto la sua ricerca si è fatta più fitta. I genitori adottivi gli hanno rivelato l’identità dei genitori naturali. Una rivelazione difficile da fare e da accettare. I blocchi, le norme sulla privacy e la legge sono stati difficili da rispettare, ma i social sono arrivati in aiuto di questo ragazzo alla ricerca dei suoi genitori.

La madre adottiva di Shane l’ha riconosciuto anche e soprattutto per la somiglianza di Shane con il padre. C’è stato il primo incontro del ragazzo con la madre naturale che ha parlato dei sentimenti “romantici” del figlio, anche al suo attuale marito. Poi ha spiegato serenamente al ragazzo che non potranno avere alcuna relazione se non quella tra una mamma e un figlio. Ma Shane non si rassegna e dice in giro che a lui piace Rose e non soltanto perché è sua madre. Gli piace e basta. Per ora la chiama Rose ma non è detto che nel tempo non impari a chiamarla mamma.

Tra l’altro la storia dell’adozione di Shane è stata parecchio complicata. La signora Bestall – che nel frattempo ha avuto altri quattro figli – rimase incinta di Shane per caso all’età di 15 anni. Il padre del ragazzo era l’allora fidanzato quindicenne John Smith. I servizi sociali, interventui nella vicenda, dichiararono che i genitori di Shane erano troppo giovani per prendersi cura del ragazzo per cui dopo aver accordato una serie di visite sorvegliate, decisero che il bambino di 5 anni poteva essere adottato dalla coppia di Manchester. Oggi la signora Bestall è sposata con Darryl di 33 anni. Ha intrapreso una battaglia per la custodia del figlio presso l’Alta Corte del Paese ma un giudice ha ritenuto che la vicenda sia già “conclusa” così. Tutto resta com’è da 14 anni a questa parte.

Commenti

ELENCO TAG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.