Scoprono una camera segreta nel loro giardino: ecco cosa conteneva

Avete mai pensato di poter trovare un passaggio o una camera segreta nel vostro giardino? Si tratta di una possibilità più frequente di quanto si possa pensare. Le case, infatti, nella loro storia, vengono abitate da molte persone, e non si può mai sapere cosa uomini di altre epoche hanno lasciato dietro di loro.

Come è successo a questa famiglia del Wisconsin, che ha scoperto una camera segreta simile ad un bunker nel giardino della propria casa. Quando i componenti della famiglia Zwick si sono trasferiti nella loro nuova casa, 10 anni fa, a Neenah, in Wisconsin, avevano saputo che c’era un bunker nel loro giardino.

lifebuzz-84be9c2b6c25cb95b5a3cdc2264f1125-limit_2000

 

Ma non hanno mai dato molto peso a questa cosa perché gli avevano detto che era vuota. Per circa 10 anni, quindi, la famiglia non ha mai realmente pensato di guardare ciò che c’era all’interno del rifugio. La camera segreta era stata costruita nel 1960 dal proprietario di casa e chirurgo, Frank Pansch, al culmine della Guerra Fredda.

lifebuzz-468cd9c66e456d998b5e508814afa0ec-limit_2000

Ma un giorno hanno deciso di guardare al suo interno. Per farlo la famiglia ha dovuto rimuovere i cespugli incolti che ricoprivano l’entrata del bunker costruito 50 anni prima, nonché liberare il nascondiglio da una vecchia catena arrugginita. Appena aperta la botola di accesso hanno trovato una vecchia scala di ferro molto alta, che scendeva nella stanza sottostante.

lifebuzz-eb1854476a3b1c7aac08e1d8572d0d4c-limit_2000

All’interno di una prima scatola hanno trovato attrezzi come un tubo da giardino, un imbuto e delle candele. All’interno di altri pacchi c’erano invece delle caramelle e un elenco telefonico tra le altre cose da mangiare.

lifebuzz-238ac5fb86a7d09f1818abf1988d2ad3-limit_2000

Negli anni ’60 i bunker sono stati comunemente costruiti dagli americani che temevano un attacco nucleare da parte dell’ex Unione Sovietica. Le piccole camere avevano lo scopo di proteggere le persone dalle radiazioni nella zona interessata.

lifebuzz-17b67d7f774646ad170ab6c16cc1d6f9-limit_2000

Nel bunker c’erano viveri per circa 2 settimane, prodotti ancora perfettamente confezionati e intatti. Vi erano inoltre fazzoletti e carta domestica. La famiglia ha donato i contenuti delle due scatole alla Neenah Historical Society.

lifebuzz-148b625ecd5747c3843645f0c8f8cd59-limit_2000

Via | lifebuzz

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.