Ritratti con pixel “umani”: le incredibili creazioni di Craig Alan

A prima vista, alcune di queste immagini sembrano rendering di scene familiari e di volti, creati da un programma per computer. Altre volte, invece,  sembrano dipinti, composti con una tecnica molto particolare. Quello che realmente sono, tuttavia, è molto più interessante: ciascuno dei punti di colore su queste immagini è stato creato sia utilizzando centinaia di piccole persone dipinte o, in alcuni casi, persone vere. Sono cioè dei ritratti “umani”.

Artisti come Craig Alan e Sam Gellman hanno creato queste opere incredibili con tecniche diverse, utilizzando sia centinaia di persone che fungessero da figuranti oppure centinaia di punti di vernice, catturando scene di tutto il mondo. Il lavoro di Alan è un omaggio alla cultura pop americana, mentre Gellman utilizzato la sua macchina fotografica soprattutto in Corea del Nord, per avere una prospettiva diversa su una nazione incredibilmente misteriosa. Qui di seguito abbiamo raccolto alcune immagini dei loro lavori.

Craig Alan ricrea i ritratti delle icone americane utilizzando persone piccole come formiche – dipinge cioè nei minimi particolari tutte le persone che servono a costruire una scena come vista dall’alto, con i loro abiti microscopici, comprese le loro ombre. Le persone si uniscono poi per formare un incredibile ritratto.

I ritratti “umani” di Craig Alan

Qui, ad esempio, Craig Alan ricrea il volto di Marilyn Monroe.

lifebuzz-65be3cadcc933be0e15ea7381ffb245e-limit_2000

Questo è invece il ritratto di Michael Jackson.

lifebuzz-a348ee408a5967bb0061b650ed34d654-limit_2000

Il suo ritratto di Elvis Presley è incredibilmente bello.

lifebuzz-04c5b6905df560f2eabf278d118c9f6d-limit_2000

Come anche la sua versione di Audrey Hepburn.

lifebuzz-4657c4c1a5b763be34a9858a381a94e8-limit_2000

Infine, Alan cattura tutto il mistero di James Dean in questo dipinto.

lifebuzz-347260e4211fc635aef687495de7f4a2-limit_2000

Il lavoro di Alan è stato creato con della semplice vernice, ma questi tipi di immagini sono state spesso realizzate con l’ausilio di persone reali, come alcune scene della storia americana. Sono ormai piuttosto lontani i tempi in cui le persone sono state usate, nella fotografia, come dei veri e propri pixel umani, quando ancora questo concetto ancora non esisteva.

Lo scudo umano degli Stati Uniti” creato da 30.000 ufficiali e soldati a Camp Custer nel 1918. L’immagine è stata scattata dal fotografo Arthur S. Mole e John D. Thomas, che hanno donato il loro tempo nelle forze armate Usa per aiutare a ottenere sostegno nella prima guerra mondiale . I ritratti sono realizzati interamente da soldati e altri militari.

lifebuzz-7c6019978cf4d851c813755bddcc6995-limit_2000

Questa Statua della Libertà è stata realizzata con circa 18.000 uomini, con il fotografo che li riprendeva da mezzo miglio di distanza.

lifebuzz-e9335c6985f8cc129ae92a8e735252f0-limit_2000

Questo è stato chiamato il “L’emblema della vita dei Marines degli Stati Uniti ” nel 1919.

lifebuzz-dfbf6153fa15e55c7244212f07d5a063-limit_2000

Cordiali saluti, Woodrow Wilson” è stato composto da 21.000 ufficiali e soldati, di Camp Sherman, a Chillicothe, in Ohio nel 1918.

lifebuzz-97921120d1ed7af357f8ad19237ab152-limit_2000

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.