Ristrutturano un vecchio scuolabus per girare gli Stati Uniti: la storia di 8 ragazzi americani

Per tutti gli inguaribili nomadi e i guerrieri della strada là fuori, in cerca di qualcosa di diverso rispetto ad un camper tradizionale, oggi vogliamo raccontare una storia che ha per protagonista uno skoolie, ovvero un vecchio scuolabus che è stato minuziosamente ristrutturato per tornare a divorare chilometri di strade asfaltate. Gli skoolies sono vecchi autobus scolastici, in genere di colore giallo, trasformati successivamente in veicoli ricreativi per turismo. Come una sorta di camper, appunto, ma decisamente più confortevoli e lussosi!

lifebuzz-18bb4d5e884d6f5377c2060dce1e7b50-limit_2000

Ma i protagonisti di questa storia sono anche 8 ragazzi americani, tutti coetanei e laureandi del Notre Dame College, che un giorno hanno deciso di acquistare uno scuolabus vecchio 20 anni e di farne una specie di pullman extralusso granturismo che viaggia attraverso gli Stati Uniti. I ragazzi hanno infatti deciso di rimette a nuovo lo skoolie e di intraprendere un epico viaggio alla scoperta dei luoghi più belli della loro nazione.

Solo una persona su otto nel gruppo  aveva una minima esperienza precedente nella costruzione e nel restauro. Tuttavia, i ragazzi hanno diviso tra di loro i compiti e i ruoli per completare questo progetto. Oggi questo straordinario autobus dispone di letti a castello, un frigo, un ampio soggiorno con posti a sedere, divani, un fornello e lavello. E il vecchio scuolabus ha trovato persino un nuovo nome: ora si chiama SerendipitiBus, e non c’è persona che non vorrebbe mettervi un piede sopra!

lifebuzz-1aa2919b9fcafec625a83c441859ec6e-limit_2000

Il gruppo ha appena completato una settimana di viaggio sulle cinque e mezzo previste visitando posti celebri come il Grand Canyon, il Parco Nazionale di Yosemite, San Francisco, Las Vegas, Dallas, St. Louis, e Louisville. Ma ecco come è nata questa idea e questo progetto.

Tornati a casa nell’agosto del 2014 dopo il primo trimestre del loro programma di Master in imprenditorialità, quattro degli otto compagni di classe hanno buttato giù l’idea di trasformare un vecchio scuolabus in un camper è stato. Hanno così scoperto online velocemente l’esistenza della comunità “skoolie” e si sono messi subito al lavoro.

Hanno iniziato a coltivare l’idea per i successivi due mesi, fino a quando non hanno trovato questa rara bellezza nel mese di ottobre: ​​uno scuolabus Carpenter del 1995, lungo 40 piedi, con motore diesel, e verniciatura pessima. Un paio di e-mail e circa 20 minuti più tardi sono diventati improvvisamente gli  orgogliosi proprietari di un autobus (con persino un posto dove parcheggiare)!

lifebuzz-5919d165444e0fb32d05c9e6f570ae12-limit_2000

Nei successivi sette mesi sono riusciti a convincere altri quattro compagni di classe a unirsi a loro e hanno cominciato a trascorrere quel poco tempo libero che avevano con la ristrutturazione del bus. L’equipaggio era piuttosto vario (con piloti provenienti dall’Irlanda, dal Texas, da New York, dal Wisconsin, dal Maryland e dalla Virginia) e nonostante solo uno avesse una minima esperienza di costruzioni e ristrutturazioni, tutti hanno intensificato le loro conoscenze e assunto un ruolo significativo nel progetto. Ecco la squadra al gran completo!

lifebuzz-e47068b5e37dc36b0a6d2d35381b0b11-limit_2000

I raggi hanno comprato l’autobus da un certo Mike, un ragazzo straordinario che a sua volta aveva avuto una idea simile ma ha dovuto mettere il proprio sogno di ristrutturare uno skoolie in attesa di tempi migliori. E ‘stato amore a prima vista per i ragazzi, e il fatto che sono al tempo stesso riusciti a realizzare anche il  sogno di Mike ha reso il tutto ancora più interessante.

Fortunatamente per loro, Mike aveva già iniziato a compiere alcuni lavori di restauro sullo scuolabus. Aveva tirato via i sedili, raccolto alcuni mobili spazzatura, e dipinto il rosso la parte al di fuori, al fine di cambiare il suo nome in quello di un camper. I ragazzi hanno così iniziato a ristrutturare l’interno partendo con il piano a sinistra, ma a causa di molti dibattiti in corso d’opera, il loro autobus alla fine si è concentrato sulla parte opposta. Il veicolo ha funzionato molto bene per 8 persone, offrendo sia uno spazio comune sia dei posti letti privati per tutti che assomigliano a delle cuccette.

lifebuzz-037705c6b25d951e27300dc3e279292d-limit_2000

Il più del lavoro è stato fatto per montare i divani e la cucina, cioè la parte giorno. Dopo una lunga discussione i ragazzi hanno mollato la loro idea originale e spostato tutta la cucina sul lato passeggero del bus, avendo cura di eseguire le linee d’acqua al di sotto del lato del conducente per i collegamenti necessari.

lifebuzz-ab937c266dd207a47c44c9a2421a1586-limit_2000

Nel corso del loro viaggio hanno cercato di rendere la loro avventura ancora più speciale. In un grande magazzino visitato nel corso della loro prima tappa, hanno notato dei pantaloni di otto colori diversi che sembravano fare proprio al caso loro, così che hanno deciso di comprarli. I pantaloni sono diventati piano piano il loro segno di riconoscimento nel corso del viaggio, in quanto ciò li rendeva più facilmente riconoscibili nei grandi luoghi turistici e serviva sempre ad attirare verso di loro gli sguardi interrogativi di visitatori e curiosi.

lifebuzz-2ab71ef180ce68c729b7aaba412a8002-limit_2000

Il viaggio compiuto da questi ragazzi è stato un viaggio incredibile attraverso tante parchi nazionali, città e luoghi di interesse turistico. Purtroppo anche questo è ormai giunto al termine, in quanto la metà di questi ragazzi è dovuta ritornare a casa per motivi di lavoro.

Un aspetto simpatico di questa storia è che questi 8 coraggiosi ragazzi hanno trovato numerosi sostenitori nel corso della loro avventura, avendo infatti potuto contare sull’aiuto non solo di amici e parenti ma anche di donatori incrociati attraverso le piattaforme di crowdfunding. Questi li hanno aiutati pagare la ristrutturazione mentre alcuni sponsor hanno contribuito a rendere il tutto un po’ più facile.

lifebuzz-dfe5829f9404093c3d6830124815d388-limit_2000

Ora dunque, chiunque sia interessato a costruire il proprio skoolie può fare riferimento proprio questo! Può sembrare scoraggiante in un primo momento, ma quando starete correndo giù per l’autostrada con la vista panoramica del vostro “camper – salotto” vi renderete conto che ne è valsa sicuramente la pena. Ci sono un sacco di grandi progetti online come questo, tra cui ‘Hank Bought a Bus‘ and ‘Project Moose‘ che sono stati di ispirazione per loro, come anche il canale Instagram #skoolie, davvero una grande risorsa.

lifebuzz-7a98cf1eb45ae5888e80953ecdb5f70b-limit_2000

E volete sapere l’ultima? Questi 8 ragazzi americani mettono anche a disposizione la loro esperienza e le conoscenze maturate per coloro che volessero iniziare a ristrutturare il proprio vecchio scuolabus.

lifebuzz-b02e39f977f3299772a74863688cffaf-limit_2000

Via | lifebuzz

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.