Riceve la pagella del figlio col nome sbagliato, ecco perché va tutte le furie

Sulla pagella c’è scritto Islam dopo il nome: che la scuola faccia differenze in base alla religione praticata dagli alunni?

Il figlio di David Moore si chiama Harry ma quando a casa arriva la pagella, il padre legge un nome totalmente diverso e ingaggia una battaglia culturale con la scuola. Il motivo è ancora una volta “la religione”. 

Il figlio di David Moore si chiama Harry ma la scuola sembra averlo dimenticato nella pagella che arriva a casa del signor David con su scritto: “Mohammad Harry Islam“. La scuola primaria Salisbury che si trova nel West Midlands ha provato a spiegarsi e scusarsi parlando di errore di battitura, ma il timore della famiglia è giustificato: in quella scuola i bambini sono associati dagli insegnanti alla religione che professano. Una forma di discriminazione che non può esistere, soprattutto nel mondo politically correct britannico.

harryislam

Il padre del bambino è rimasto shockato quando ha visto recapitarsi la valutazione del figlio che ormai frequenta da qualche tempo quella scuola, con un nome davvero astruso. Tra l’altro il 27enne David Moore ha fatto presente che nella scuola elementare Salisbury soltanto il 5% degli allievi è di origine inglese. Telefonando alla scuola per far presente l’errore, gli è stato risposto che si era trattato di un problema di battitura.

Il signor Moore vive con sua moglie, Melissa Webster di 23 anni a Darlaston vicino Walsall nel West Midlands e spiega:

“Ci sono 15 studenti nella sua classe, credevo fosse semplice per gli insegnanti, ricordare tutti i loro nomi. Adesso posso anche provare a vedere il lato divertente dell’episodio ma quel che mi preoccupa è la dicitura Islam, non vorrei che accanto ai nomi stessero annotando anche la religione professata. Non siamo tutti religiosi, per cui non apprezzo affatto questa scelta.”

Certo rispondere ad una perplessità come questa dev’essere più difficile che nascondersi dietro un improbabile errore di battitura. Il signor Moore comunque ha spiegato ancora:

“Non ho idea se si sia trattato di uno scherzo o se c’è un altro ragazzo di nome Harry che è musulmano e magari gli insegnanti pensano di distinguerli in questo modo…”

Poi ha presentato la pagella alla maestra dell’asilo, la signora Diaz che ha ribadito che l’errore è probabilmente legato alla presenza nella stessa classe di un altro bambino che si chiama Harry. Moore che di figli ne ha due, non ha saputo accettare scuse e ha incalzato la dirigente:

“La signora Diaz ha appena detto che deve essere un errore di battitura. Ma non mi sembra affatto un errore di battitura, ha messo il nome sbagliato, va bene, ma c’è qualcuno che a questo mondo si chiama Harry Islam?”

“Poi hanno detto che c’è un altro ragazzo con quel nome e loro l’hanno confuso. Bene signora Diaz, insegna soltanto a 15 studenti, e nessuno ha quello stesso nome. Credo che si potrebbe avere una confusione del genere soltanto se fossero tanti studenti tutti mescolati. In quella scuola il 5% dei bambini sono inglesi, l’80% è di origine asiatica e il restante di origine polacca”.

Il signor Moore è infastidito dal fatto che nessuno gli abbia chiesto scusa per l’accaduto, gli è stato soltanto detto che può gettarsi alle spalle la pagella perché gliene sarà recapitata un’altra con il nome corretto. Ma Moore non si accontenta delle scuse e di una “riparazione del danno”, vorrebbe piuttosto delle spiegazioni.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.