Perché il principe Harry non ha mai parlato di Lady D.?

Non è una questione di elaborazione del lutto, quanto di rispetto della vita del padre.

Alla fine del prossimo mese ricorre l’anniversario della morte di Lady Diana e in questo periodo, i giornali inglesi non fanno che dedicarsi alla famiglia reale. Ad ossessionare giornalisti è lettori è una domanda: perché il principe Harry e suo fratello non hanno mai parlato della morte della mamma?

Potrebbero esserci tantissime risposte anche molto banali alla questione. Si potrebbe parlare di elaborazione del lutto, di difficoltà nell’accettazione della situazione sentimentale della madre al momento della morte, ma anche di riserbo rispetto ad un incidente su cui ancora si potrebbe indagare. Harry ha rotto gli indugi spiegandosi ai giornalisti.

ladyd

La prima cosa che ha fatto è dire di rimpiangere il fatto di non essersi sfogato prima. Adesso che è maturo, ha 31 anni, può tranquillamente dire che se non ha parlato della madre e della sua morte è per non turbare il principe Carlo e Camilla.

Trentacinque anni fa in questa settimana, Londra era in festa perché il Regno Unito celebrava le nozze tra il principe Carlo e Lady Diana Spencer (qui le foto inedite) che ha promesso senz’altro di amare e onorare il marito ma non certo di obbedire sempre all’erede al trono inglese. Il mondo era talmente attratto da Lady Diana da non aver notato nemmeno la gaffe del celebrante che invertì i nomi del principe Carlo. Col senno di poi si potrebbe interpretare questo equivoco come il primo di una lunga serie, una specie di suggello o condanna apposti sull’unione. Tant’è che non ci sono state celebrazioni in ricordo delle nozze.

Mentre ce ne furono e anche parecchie all’indomani della morte. Diana perse la vita in quell’incidente di Parigi a soli 36 anni. Oggi ne avrebbe 55 ma ormai è soltanto un ricordo lontano, soltanto i più devoti tra i sostenitori della principessa sanno che esiste una passeggiata che si snoda per 7 miglia nei parchi di Londra per ricordarla. Una passeggiata che comprende 90 placche nel terreno dedicate a Lady D. Ci sono anche dei giochi sportivi a lei dedicati e una fontana ad Hyde Park. Tutti elementi cancellati dalla memoria degli inglesi e sedimentata dal silenzio dei reali sul suo conto.

Il principe Harry e suo fratello William però hanno iniziato a ricordare la loro madre e lo fanno anche molto meglio di tanti monumenti. Hanno detto di essere dispiaciuti del loro silenzio. Soltanto 3 anni fa Harry ha iniziato a rispolverare il ricordo mai assopito della sua mamma:

“Soffrire fa bene fino a che si parla della propria sofferenza. Non è un segnale di debolezza. È debole chi avendo un problema e non riconoscendolo, non lo risolve.”

Le sue osservazioni sono state raccolte anche dagli organismi di beneficenza che gli hanno proposto di diventare testimonial di una serie di buone cause, proprio come Lady Diana era ambasciatrice di tanti progetti a scopo benefico. Fino a questo momento i suoi figli non hanno mai partecipato a cerimonie ufficiali di commemorazione della madre ma adesso che si torna a parlare dell’incidente e delle motivazioni nascoste di quel che è accaduto, allora Harry potrebbe essere stato assalito da una specie di senso di colpa.

Finora tutti hanno pensato che volesse custodire il dolore nell’intimità, hanno pensato che stesse elaborando a suo modo il lutto. Certamente sono fattori che hanno influenzato il comportamento ma la verità è che questo atteggiamento è stato considerato il più appropriato per non compromettere il rapporto tra Carlo e Camilla. Altri hanno suggerito che potesse essere rabbia la sua, rabbia nel vedere trattare pubblicamente un incidente che getta una luce sinistra sul mondo reale e non solo.

Una ex fidanzata di Harry ha detto che il principino ha un bagaglio emotivo enorme, che si porta dietro, è una persona super sensibile, il più simile a Diana quanto a filantropia e attenzione agli altri. Non sorprende allora che dica:

“Credo di avere un sacco di cose di mia madre in me”, parlando delle visite notturne che Lady D. faceva ai senza tetto o ai bambini in ospedale con William.

Prima di oggi la cautela che era stata riservata alla morte della madre era venuta meno soltanto in un’altra occasione, nel 2007, a 10 anni dalla morte di Diana, durante un concerto pop a Wembley. Allora Harry disse:

“William e io possiamo dividere la nostra vita in due parti. Ci sono stati gli anni in cui siamo stati benedetti grazie alla presenza fisica di nostra madre accanto a noi e a nostro padre. E poi ci sono i dieci anni che ci separano dalla sua morte. Quando era viva abbiamo completamente dato per scontato il suo amore senza pari, il suo amore per la vita, le risate, il divertimento e la follia. Era la persona che ci proteggeva, un’amica, un tutore. Era semplicemente la migliore madre del mondo.”

Cosa succederà adesso? Secondo molti giornalisti, ci sarà un grande omaggio a Lady Diana, il prossimo anno, a 20 anni dalla morte. Un omaggio grande quanto l’amore che il figlio Harry provava per lei. Il principe William con l’anello donato a Kate, in fondo, ha fatto il suo piccolo tributo amorevole alla sua mamma.

Commenti

ELENCO TAG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.