La storia delle due statue giganti che si muovono l’una verso l’altra

Siete in vena di romanticismo per le vostre prossime vacanze? Allora di certo vi piacerà conoscere la storia che oggi vi vogliamo raccontare, la vicenda di due innamorati. In Georgia, la nazione che si trova al confine tra Europa ed Asia, nella zona del Caucaso, c’è una leggendaria, tragica, storia d’amore che tutti i georgiani conoscono fin da bambini.

Si tratta di una storia raccontata nel 1937 nel romanzo intitolato Ali e Nino, che racconta la storia di un ragazzo dell’Azerbaijan innamorato di una principessa georgiana, due giovani che vengono separati dall’invasione bolscevica.

lifebuzz-7fb9088d8466a0311891d1f0bb2d6fa6-limit_2000

Come racconta Demilked, la loro storia è una tragedia molto simile a quella raccontata da Shakespeare in “Romeo e Giulietta”: il giovane azero si innamora infatti della principessa georgiana, ma poi muore difendendo il suo paese. Per ricordare questa bellissima storia nazionale, la Georgia ha ora un’installazione artistica molto suggestiva, appositamente creata per commemorare il famoso racconto. Vedere questa installazione e conoscere la storia è a dir poco commovente. Si tratta di due statue giganti che si muovono l’uno verso l’altra.

lifebuzz-d7f402f43ac56ec158dfe5f28c5d1cc5-limit_2000

L’opera si chiama “La statua di amore”, ed è stata creata dall’artista georgiano Tamar Kvesitadze. Le statue sono infatti mobili: tutti i giorni alle ore 07:00, sul far della sera, si muovono l’una verso l’altra come per darsi un bacio. Ma poi, proprio come nel libro, vengono separate, prima ancora che possano realizzare il loro sogno. Alla fine del movimento, ognuna delle statue è di nuovo sola.

lifebuzz-6512888efaf84eee64a38f7cc6102935-limit_2000

Dalla vicenda di Ali e Nino un artista georgiano ha creato un’attrazione unica nel suo genere, che richiama moltissimi visitatori a Batumi, la città che le ospita. Le due statue, realizzate con acciaio e altri metalli, hanno un peso ciascuna di 7 tonnellate, ma nonostante tutto sembrano muoversi in maniera molto fluida durante il loro incontro.

lifebuzz-e51d2760137d9c6f93207d9d1bc5aaa5-limit_2000

Per i cittadini georgiani vedere le statue che all’imbrunire si muovono l’una verso l’altra con un suggestivo apparato di luci è un appuntamento divenuto ormai tradizionale e un modo per apprezzare uno dei più begli affacci sul Mar Nero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.