La storia del cane sordo che ha imparato la lingua dei segni

Ogni giorno gli animali ci sorprendono sempre di più. E’ ad esempio incredibile pensare a tutto quelle che i nostri amici a quattro zampe possono imparare, delle nostre abitudini o di noi stessi, o ancora del nostro modo di comunicare. L’ultima grande impresa in questo senso è stata compiuto da un bellissimo cane di razza dalmata, di cui oggi vogliamo raccontarvi la storia. 

Charlie è un bellissimo, simpatico e socievole esemplare di Dalmata – il tipo di cane che non immagineresti mai di trovare all’interno di una canile per cani abbandonati. Tuttavia, come riportato da BuzzFeed, il destino ha voluto che anche Charlie dovesse provare questa esperienza. E’ rimasta solo e alla fine è stato portato in un centro con altri cani. Ma siccome era sordo, non è passato molto tempo prima che i volontari del rifugio avrebbe dovuto praticare l’eutanasia su di lui.

dalmata

Alcuni giorni prima del giorno stabilito per la sentenza, accadde però un miracolo: qualcuno lo ha adottato. E il nuovo padrone di Charlie ha visto che era un cane molto speciale sin da subito, così ha iniziato ad allenarsi lui. Dal momento che è sordo, non poteva essere addestrato normalmente. Invece, la sua padrona ha fatto qualcosa di stupefacente: lo ha addestrato usando la lingua dei segni.

lifebuzz-6ebf522170e721716e0e7ae999d35037-limit_2000

Charlie ora comprende la maggior parte dei suoi comandi tramite l’American Sign Language. Egli può fare un sacco di cose, ma soprattutto, gli piace solo per essere abbracciato. Le capacità di Charlie lo hanno indicato come ideale ad essere un cane di formazione e terapia per altri casi simili, data la sua velocità ad apprendere sistemi di comunicazione anche complessi. Ha anche avuto un talento incredibile a mantenere il suo carattere e la sua indole.

lifebuzz-5231b11f97d7259a0104c792433f70ad-limit_2000

Questa storia ancora una volta dimostra che nulla è impossibile e che il mondo non finisce mai di sorprenderci, soprattutto quando si tratta di animali.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.