Kanya, la ragazza senza gambe che lavora come modella di costumi

Se la incontraste per strada rimarreste subito colpiti dalla sua bellezza. I suoi tratti sono infatti esotici e dolci, i suoi capelli morbidi e ondulati, e i suoi occhi sensualmente allungati. Solo molto dopo vi accorgereste che questa ragazza senza gambe usa per camminare uno strumento molto particolare. 

Il suo nome è Kanya Sesser. Kanya non ha affatto bisogno delle gambe per sentirsi sexy. Questa bella ragazza, che oggi ha 23 anni, è nata senza gambe, ma questo non le ha impedito di intraprendere una carriera nel mondo del fashion sin da quando era molto piccola. Kanya infatti lavora come modella di abbigliamento sportivo sin da quando aveva 15 anni.

Più di recente, è diventata una modella di biancheria intima e costumi e oggi non si vergogna di dire che guadagna una media di 1.000 dollari al giorno per indossare bikini.

lifebuzz-1ca1a9b29c09b78296fca9effc4da956-limit_2000

Ma non sono solo queste le cose che rendono Kanya una persona davvero straordinaria. Anche se non ha le gambe, per camminare non usa una sedia a rotelle. Si aiuta con il suo skateboard. Ha anche imparato a camminare sulle mani.

lifebuzz-042d4cc10d4558b23b5e89c55850cdec-limit_2000

Nelle interviste, come quella rilasciata di recente al Mirror, quando le chiedono il perché di questo, è solita commentare: “Mi piace mostrare alla gente come può apparire la bellezza  Queste immagini mostrano la mia forza.”

lifebuzz-a7628087ba9f28795678ab1885751e05-limit_2000

Questa modella dalle idee molto chiare e dalle grandi aspirazioni è nata in Thailandia, ma è stata adottata e cresciuta negli Stati Uniti da quando aveva cinque anni. Ora vive e abita in California. Qui la Sesser è anche un oratore motivazionale nel settore dello sport e si sta già allenando per le Paralimpiadi invernali che si terranno in Corea del Sud nel 2018, alle quali parteciperà nella sua disciplina preferita, lo sci mono.

lifebuzz-df3dc10fe6fa8397dc1927d2699d95bc-limit_2000

Anche come atleta sta ridefinendo gli standard della categoria. Anzi le storie come quella di Kanya non sono che un’ulteriore conferma di tutti i possibili significati che si possono dare alla parola “bellezza“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.