Chi è Miranda? Il mistero della giovane seppellita 145 anni fa

Ancora misteriosa l’identità del corpo della bambina seppellita 145 anni fa. Probabilmente troverà la pace nel Garden of Innocence.

Le hanno dato un nome – Miranda – ma la sua storia è ancora avvolta nel mistero. Come mai nonostante siano passati 145 anni, il suo corpo è rimasto intatto? Come mai stringeva una rosa rossa tra le mani e come mai nessuno ha mai reclamato il suo corpo?

Una piccola bara è stata rinvenuta sotto una casa di San Francisco. Si stima che la tumulazione sia avvenuta 145 anni fa ma, considerando lo stato di conservazione del corpo, non si direbbe. Questa bara appartiene di certo ad una bambina di tre anni, di cui, a distanza di un secolo e mezzo, vediamo pelle e capelli conservati perfettamente.

vlcsnap-2016-06-01-14h45m31s20

La sua bara è stata trovata sotto una casa che fu costruita – come molte altre – su un terreno che prima era stato un cimitero. La riqualificazione dell’area determinò lo spostamento di più di 30.000 salme, negli anni Venti. Questa bambina, però, fu lasciata lì e ora giace nella camera mortuaria di Fresno. Un’organizzazione si sta occupando di identificarla in modo da seppellirla di nuovo prima dell’estate.

karnerTutto è iniziato a causa dei lavori edili di ristrutturazione della casa in cui è cresciuta Erica Karner, una casa che si trova nel distretto di Richmond a San Francisco. Gli operai, scavando sotto il cemento del garage si sono subito accorti che c’era qualcosa che non andava o meglio che c’era qualcosa. Hanno quindi portato alla luce una bara, un cofanetto di piombo e bronzo, a dire la verità, viste le dimensioni ridotte. Si è subito capito che era la bara di una bambina. Dalle due finestre sulla coperchio, s’intravedeva il corpo praticamente integro con la pelle e i lunghi capelli biondi della piccola, perfettamente conservati. Alle prima analisi è stata attribuita al corpo un’età ma non l’identità. Si sa che si tratta di una bambina di appena 3 anni.

Kevin Boylan, il primo operaio ad essere coinvolto nel ritrovamento, ha detto a KTVU:

“Tutti i capelli erano ancora intatti, le unghie erano lì, c’erano anche dei fiori, delle rose, sul corpo della bambina. È stato sorprendente vedere tutto questo”.

Vista la storia del terreno è facile immaginare che si tratti di uno dei 30.000 corpi che furono seppelliti fino al 1890 nel cimitero di Odd Fellow. Un cimitero che ha chiuso i battenti in quell’anno ma il cui terreno fu dichiarato edificabile circa 40 anni dopo. Nel 1930 infatti, tutte le salme furono trasferite altrove. Una delle due figlie di Karner, che adesso risiede nella villa sotto la quale è stato rinvenuto questo misterioso corpo, ha deciso di attribuire alla bambina il nome di Miranda.

La cosa sorprendente della vicenda è che a Karner è stato comunicato dall’ufficio legale che il corpo di Miranda è sotto la sua responsabilità perché la città si è rifiutata di prenderlo in custodia. Che non vuol dire che può disporre del corpo visto che non possiede il certificato di morte della bambina e quindi non può ottenere il permesso di sepoltura. Ma è sempre sotto la sua responsabilità per cui, a patto di pagare una cifra assurda di 7000 $, ha trovato un impresario disposto a prendersi cura del corpo. Una cifra che tra l’altro è da considerare esigua se si considera che la società archeologica East Bay ha chiesto a Karner 22.000 $.

Il tutto è avvenuto mentre il corpo di Miranda continuava a deteriorarsi nel suo cortile visto che il medico legale ha chiesto di aprire la bara rompendo il sigillo che ne aveva garantito la conservazione. Forse Karner che si sta comportando come un familiare della bambina, potrebbe aver trovato un aiuto nel Garden of Innocence, un’organizzazione che si occupa di dare sepoltura ai bambini non identificati. Il fondatore ha detto che è in grado di garantire i fondi per conservare la bara nella casa mortuaria a Fresno, prima che si risolva la situazione e si decida il da farsi. Il fondatore del Garden of Innocence ha già fatto costruire una bara per seppellire di nuovo Miranda insieme alla bara nella quale è stata rinvenuta.

Una storia di poca pace e molta burocrazia, di poca umanità e molta formalità. Esistono storie simili nel nostro Paese?

Commenti

ELENCO TAG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.