Youtube, il tagging

I tag sono una caratteristica fondamentale sia per il sito youtube che per gli utenti, dal momento che danno la possibilità di classificare le centinaia di migliaia di contenuti presenti nel sito senza fare ricorso a nessun team di esperti, e consentono una ricerca facile e veloce.

Non sono, però, esenti da problemi. Il tagging porta con sé un certo grado di disordine, naturalmente, che potrebbe essere risolto mediante l’integrazione, con la folksonomia, di classificazioni di tipo tradizionale.

Il problema principale del tagging, per esempio, sta nell’eccessiva proliferazione di varianti per uno stesso termine. Per ovviare a questo problema alcuni hanno scelto di utilizzare vocabolari controllati e thesauri, altri, come Flickr, ad esempio, tecniche di clustering, cioè il raggruppamento di elementi mediante un’analisi statistica della loro similarità. Altri ancora, come Youtube, hanno deciso, come credo sia già risultato chiaro, di inserire, insieme alla folksonomia una classificazione di tipo tradizionale (la lista di argomenti nella sezione “video”, di cui si è parlato nel paragrafo precedente).

La navigazione per tag può essere sostituita da una più tradizionale, maggiormente riconoscibile da parte degli utenti e alla quale sono più abituati. E’ importante sottolineare come la folksonomia possa funzionare meglio se associata a un sistema più tradizionale.

Un’altra possibilità di ricerca è data dai “canali”. Per canale si intende la pagina di account di un utente. Chiunque, infatti, può decidere di impostare la propria navigazione del sito attraverso la scoperta delle pagine utente, in cui sono presenti non solo i contenuti caricati dall’utente proprietario della pagine, ma anche gli iscritti al suo canale, alle cui pagine si può accedere semplicemente cliccandoci, e i commenti che gli sono stati lasciati dagli altri utenti.

Gli stili di ricerca, quindi, sono altamente eterogenei: ricerca mediante tags, per utente o per categoria, ma tutti sono solo il passo di partenza perché ciascun utente possa generare e seguire un proprio, personalissimo percorso seguendo semplicemente ciò che gli interessa.

Commenti

Articolo precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.