Crollo del mercato immobiliare nel 2012

Il 2012 è sicuramente l’anno in cui le compravendite immobiliari subiscono un grande crollo. Se confrontiamo i primi 9 mesi, rispetto al  2011, Piazza Affari registra un -21,7% e la Provincia un -21%, il primo record negativo segnalato negli ultimi 5 anni rispetto al 2008 con -13,1% in città e -12,8% in Provincia.

Questo è il triste bilancio della 42esima edizione della “Rilevazione dei prezzi degli immobili sulla piazza a Milano e Provincia” compiuta dalla Camera di Commercio insieme all’aiuto di Osmi Borsa Immobiliare presentata nella prestigiosa sede di  Palazzo Giureconsulti.

Dall’Indagine risulta un notevole calo a livello nazionale. La città di Milano e la Regione Lombardia superano in negativo il dato nazionale, dal  2011 al 2012 l’acquisto di abitazioni sono diminuiti del 48,4%. Il presidente di Osmi Marco Dettori dice: “E’ allarmante è il segnale che riflette le crescenti difficolta’ delle famiglie ad accedere ai finanziamenti ma anche la diffusa incertezza economica  che ha portato ad una conseguente discesa delle quotazioni immobiliari, contenuta ma generalizzata”.

In città si è registrata una inflessione dei prezzi dell’1,2% su immobili non recenti, che diventa di 1,4% se andiamo in Provincia. Il calo  piu’ significativo si è registrato  nel mercato dell’usato con un -7,2% e -8,6% in periferia. Gli unici che soffrono meno di questa inflessione del mercato sono gli immobili di nuova costruzione  realizzati con nuovi impianti energetici.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.