Il mercato delle commodities crescerà nei prossimi anni

Il mercato delle materie prime potrebbe crescere nei prossimi anni a causa della forza della domanda dei Paesi emergenti come l’India, la Cina, la Russia e il Brasile.Per un investitore, il guadagno sta nella capacità di acquistare qualcosa come un bene che venga apprezzare nel corso del tempo. Il mondo è in recessione economica, ma il mercato delle materie prime è molto forte. Il mercato delle risorse in generale è anch’esso molto forte. La continua riduzione degli investimenti in risorse naturali è dovuta al fatto che le risorse stesse si sono ridotte e alcuni depositi sono state esauriti. Pertanto, il mercato si basa molto sulla  cessione delle risorse naturali e la loro richiesta ha iniziato ad aumentare.
Il mercato delle commodities avrà quindi una durata di molti anni. La domanda continuerà a crescere perché cresce la popolazione del pianeta che vive una condizione economica migliore e standard di vita più elevati. Le classi medie dei Paesi emergenti, i mercati emergenti e i Paesi dell’ex blocco comunista aumentano la loro domanda di materie prime .
I paesi come il Brasile, la Russia, l’India e la Cina sono dei tipici esempi di Paesi dove l’attività economica è in forte aumento e sta portando a una crescita che, a sua volta, sta guidando una grande richiesta di energia. Per i prossimi venti anni l’approvvigionamento energetico non sarà disponibile come ora e quindi i prezzi aumenteranno.
Se una piramide rappresentava l’economia globale in fondo sarebbero le popolazioni più povere. Sono queste le nazioni che, come si guadagnano o ottenere più soldi cominciano a comprare più cose. A differenza dei paesi sviluppati che hanno tutto e quindi tendono ad acquistare i servizi piuttosto che le materie prime, le economie emergenti hanno fame di energia dei prodotti e delle materie prime che le materie prime di utilizzo. Paesi come l’Indonesia e l’India avrebbe comprato condizionatori d’aria, frigoriferi e scooter, tutte le cose utilizzare metalli e oli. Le loro infrastrutture di strade, ponti e abitazioni continueranno a richiedere i materiali delle materie prime sempre più crude.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.