I 10 pittori più economici su cui investire

Se state pensando di compiere qualche investimento alternativo, una buona idea per farlo potrebbe essere quella di conoscere meglio il mercato dell’arte. Il business delle opere d’arte si presenta oggi particolarmente interessante, perché anche pezzi acquistabili oggi a prezzi accessibili possono acquisire nel tempo un grande valore. 

Esistono infatti numerosi pittori del presente e del passato che possono risultare un buon investimento nel tempo e che oggi sono quotati tra i 5 mila e i 10 mila dollari.

La presenza di questa fascia di prezzo tra i possibili investimenti è la prova di un mercato europeo ben più dinamico e conveniente rispetto al resto del mondo. In realtà, l’italiano Mario Schifano, lo svedese Bengt Lindstrom e i tre francesi Jean Gabriel Domergue, Maximilien Luce, e Bernard Aubertin hanno venduto più di 200 dipinti che vanno dai 5.000 ai 15.000 dollari nel 2014, senza prendere in considerazione le opere vendute per meno di 5.000 dollari.

Se dunque il mercato europeo resta un terreno fertile per le opere d’arte a prezzi accessibili, qui di seguito potete trovare una lista, elaborata dagli esperti di Artprice, che raccoglie nomi ben noti, individuati come i 10 pittori più economici su cui investire. Una tale top 10 però rivela anche un altro mercato più discreto, quello dell’Australia, che ospita due artisti.

I 10 pittori più economici su cui investire

1 Pro HART

30538089

2 Sidney Robert NOLAN

Artist : Sidney Nolan (Australia; United Kingdom, b.1917, d.1992)  Title :  Date : 1948 Medium Description: synthetic polymer paint on hardboard Dimensions :  Credit Line : Purchased 1949 Image Credit Line :  Accession Number : 8169

3 Arie SMIT

ariesmit_landscape_2006_acryliconcanvas_31x41cm

4 Jean Gabriel DOMERGUE 

jean-gabriel-domergue-1889-1962-by-catherine-la-rose-46

5 Bernard AUBERTIN 

_dsc0492_1

6 TING Walasse 

i-love-chrysanthemums-2000

7 Constantin RAZOUMOV

8196247_1_l

8 Bengt LINDSTRÖM
Lindstrom_Blue_on_red4

9 Mario SCHIFANO

il-vulcano

10 Maximilien LUCE

595px-Maximilien_Luce-The_Port_of_Rotterdam,_Evening

L’Australia in testa, con Pro Hart e Sidney Nolan

Pro Hart è un artista che ha dedicato la maggior parte del suo lavoro all’entroterra australiano semi-arido, il mitico Outback, un territorio immenso dove la terra è spesso rossa. Pro Hart ha avuto una forte influenza su numerosi pittori, in particolare a Broken Hill, un villaggio isolato nell’Outback che era la sua città natale. Emblematico in Australia, che costituisce il 98% del suo mercato, il lavoro di Pro Hart ha viaggiato in Inghilterra e negli Stati Uniti, ma rimane riservato. E’ tuttavia, l’artista più venduto al mondo nella fascia di prezzo compresa tra i 5.000 e i 15.000 dollari. Un centinaio di sue opere sono passate di mano lo scorso anno (2014), soprattutto nei mercati di Sydney e Melbourne.

Il lavoro di uno dei più rinomati pittori australiani moderni, Sidney Robert Nolan, è spesso venduto per meno di 15.000 dollari. Circa 60 sue tele hanno cambiato proprietario lo scorso anno. Tuttavia, è difficile trovare le sue opere al di fuori dell’Australia, che rappresenta il 96% del suo mercato, anche se l’artista può ottenere prezzi importanti. Il suo record è di 4,1 milioni per una tela venduta nel 2010 a Kensington (prima classe Marksman, 1946, venduta da Menzies Art Brands), il record di vendita all’asta in Australia per un artista nazionale. Notiamo che la notorietà di Sidney Noland non si limita esclusivamente all’Australia, dal momento che l’artista ha trascorso parte della sua carriera a Londra.

La Francia di Jean Gabriel Domergue, Maximilien Luce e Bernard Aubertin

Il pittore francese Jean Gabriel Domergue si dice sia l’inventore della pin-up. Noto per le sue numerose opere raffiguranti le schive bellezze parigine, disinvolte e poco vestite, Jean Gabriel Domergue è stato anche curatore del Musée Jacquemart-André (1955-1962), dove ha organizzato mostre di Van Gogh, Toulouse-Lautrec e Goya. Era anche Cavaliere dell’Ordine della Legione d’Onore e membro dell’Istituto de L’Académie des Beaux-Arts (Scuola Nazionale di Belle Arti). Questo pittore mondano, che diffuse una certa visione della donna parigina, vende opere negli Stati Uniti e in Giappone, anche se il 64% del suo mercato rimane francese.

Altri due francesi si trovano in questi elenchi, compreso Maximilien Luce, grande artista post-impressionista il cui miglior lavoro si vende per più di un milione di dollari e i cui dipinti a olio più piccoli a volte si vendono per meno di 5.000 dollari. Egli impersona l’artista francese moderno più accessibile, in contrasto con le idee circa i prezzi faraonici conquistati dalle opere di questo periodo.

L’altro artista in questa categoria è un contemporaneo artista d’avanguardia sulla scia dei Nouveaux Réalistes (Nuovi Realisti): Bernard Aubertin era vicino a Yves Klein e membro del Gruppo Zero. I suoi prezzi sono aumentati di molto negli ultimi tre anni in Francia e in Italia, ma la maggior parte delle sue opere rimane molto convenienti.

La Grande Asia

La Grande Asia è rappresentata infine da nomi di spicco come Arie Smit e Walasse Ting, il primo dei quali si trova in un mercato più locale rispetto al secondo.

Tedesco di nascita e indonesiano d’adozione, Arie Smit ha sviluppato uno stile proprio con cui dipinge i paesaggi di Bali e i suoi villaggi in colori vivaci. La sua carriera è iniziata in Indonesia negli anni ’50 e il suo stile riflette una significativa influenza locale. Decorato da parte del governo di Bali, Arie Smit ha anche il suo padiglione al museo Neka, tra gli artisti balinesi degni di nota. Le sue opere sono rare in Europa, ma le case d’asta a Hong Kong, Jakarta, Kuala Lumpur e soprattutto Singapore (che costituisce metà del suo mercato) sono ben fornite.

Il pittore americano di origine cinese Walasse Ting sta mostrando una tendenza al rialzo negli Stati Uniti e in Cina. Quasi il 40% del suo mercato è ora a Hong Kong e la sua spesa è salita a 440.000 dollari per una vendita effettuata a Pechino lo scorso dicembre. Mentre Walasse Ting, che spesso si esprime in piccoli formati, rimane abbordabile, i suoi prezzi stanno salendo in modo significativo. Nel mese di aprile 2015 a Amsterdam, una tela stimata di valore inferiore a 10.000 dollari ha triplicato la stima superiore (tela senza titolo datata 1979, in una vendita all’asta per l’equivalente di 30.500 dollari ad Amsterdam da Christie.

Tra questi grandi nomi di pittori accessibili spesso venduti per meno di 15.000 dollari, certuni, come Sidney Robert Nolan e Walasse Ting potrebbero diventare sempre più rari in questa fascia di prezzo, a causa dell’alta domanda globale.

Via | artprice

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.