Email marketing: tre principi fondamentali per il successo

Cerchiamo di essere onesti: il marketing è diventato una specie di cane a tre teste, ovvero una specie di mostro mitologico difficile da domare. Con così tanti dati, tanti nuovi canali e tanta concorrenza là fuori, può essere difficile per il marketer di oggi determinare quali strategie di marketing sono da provare e quali no, quali da mettere in pratica e quali da abbandonare.

Non solo è necessario uno specifico set di strumenti che consentono di navigare all’interno del mondo del marketing – ma anche la scelta della giusta road map può creare o distruggere una campagna. Per iniziare, qui ci sono tre suggerimenti da seguire che, in caso di ottimizzazione dei processi, possono aiutare a lungo il vostro viaggio nel mondo del marketing e condurlo a risultati positivi.

20150325173400-new-email-mail-open-emarketing-marketing

Questi consigli riguardano il modo di ottimizzare al meglio una campagna di email marketing, uno dei canali oggi più coltivati dal punto di vista social.

Email marketing: tre principi fondamentali

1. Automazione

L’automazione è un modo semplice (e accessibile) sia per risparmiare tempo che per inviare messaggi più personalizzati . Può rendere migliore la vostra prossima campagna? Ci puoi scommettere.

Le statistiche parlano chiaro: non solo l’automazione vanta un tasso di click del 119 per cento superiore rispetto ai messaggi di posta elettronica di trasmissione, ma eMarketer segnala che i marketer business-to-consumer che approfittano dell’automazione per tutto, dai programmi contro l’abbandono del carrello della spesa alle e-mail di compleanno, hanno visto tassi di conversione più alti del 50 per cento.

L’avvio di una soluzione di automazione per le e-mail potrebbe sembrare un po’ intimidatorio, ma probabilmente le sue prestazioni sono migliori di quanto si pensi. Dopo tutto, la maggior parte di noi è già automatizzata nella sua vita personale, anche se noi non ce ne accorgiamo. Avete pianificato le fatture della carta di credito per i pagamenti mensili dell’auto o vi siete registrati per l’effettuazione di ricariche regolari sul vostro cellulare? Per l’automazione delle e-mail si applica lo stesso principio del marketing, quello di scala.

Una serie di benvenuti mirati è un ottimo modo per iniziare con l’automazione. I nuovi abbonati sono abbonati fideizzati, e dal momento che non hanno visto il tuo contenuto prima, sono statisticamente più propensi a fare clic e ad aprire i messaggi. Uno studio ha rivelato che le mail di benvenuto hanno quattro volte il tasso di apertura e cinque volte il tasso di click delle newsletter tradizionali.

Non solo una serie di invii automatici di benvenuto fanno una buona prima impressione su questi nuovi abbonati, ma mette anche sotto controllo come i vostri abbonati hanno conosciuto il vostro marchio, contribuendo a costruire un rapporto che può premiare o rompere campagne future.

2. Interfaccia mobile

L’interfaccia mobile consiste nel rendere le email più facili da leggere e visionare su un dispositivo mobile. Ciò significa la creazione di contenuti che è facile vedere e semplicemente consumare; così quando si progetta per il mobile, è meglio utilizzare grandi immagini in grassetto, caratteri grandi e pulsanti facili da premere per le call to action.

Quanto è importante un buon design per il cellulare? Considerate questo: secondo uno studio, il 57 per cento degli utenti non consiglierebbe un business con un sito mobile mal progettato. Quindi non è solo super importante per il successo del vostro marketing, ma anche  per la credibilità del vostro marchio.

Non dimenticate: c’è più di un tipo di dispositivo mobile là fuori. Dai cellulari ai tablet, dai pad agli orologi, assicuratevi i che il vostro sito mobile sia ottimizzato e leggibile su schermi di tutte le dimensioni, come fa sullo schermo di uno smartphone tradizionale.

3. Invito all’azione – Call to action

Una delle parti più piccole ma più potenti di qualsiasi e-mail, sono le famose chiamate all’azione (in inglese call to action – CTA) le quali si sono evolute da semplici link testuali in pulsanti a un ritmo incredibile. Perché? I pulsanti sono molto più facili da vedere (e toccare) su un dispositivo mobile, e molte più persone oggi controllano le e-mail sui loro telefoni.

Ma non tutti i pulsanti CTA avranno la stessa risposta dal vostro pubblico. Alcuni attireranno molti più clic rispetto ad altri. Per creare un pulsante ad alto livello CTA, in primo luogo considerate la lingua che si desidera utilizzare. Volete che i vostri visitatori facciano qualcosa di specifico, in modo da fornire un chiaro invito all’azione. Uno studio recente ha scoperto che l’aggiunta di una sola parola dopo la parola “submit” può aumentare i tassi di conversione di ben il 320 per cento. Ma è ancora importante essere brevi – i primi 10 pulsanti di conversione tra tutti contengono due parole o meno.

I visuals sono anche la chiave per una grande CTA. Utilizzate le immagini che dirigeranno l’occhio del lettore al vostro invito all’azione. Ad esempio, selezionate la foto di un modello che sorride con lo sguardo rivolto verso il pulsante CTA. Studi di eye-tracking hanno scoperto che i visitatori del sito potranno ripetere questo modello sociale e guardare dove sta guardando.

Infine, non dimenticate il colore del vostro tasto. Attraverso la psicologia, sappiamo che il colore giusto può costringere la gente ad agire a livello subconscio.

Ad esempio, sappiamo che tutti i colori verdi sono ok, ed è piuttosto utile quando si tratta di CTA. E ‘anche il colore più facile per gli occhi da elaborare. Ma l ‘arancio e il rosso sono pure scelte solide per i pulsanti di CTA: arancione favorisce un’azione immediata, mentre il rosso aumenta l’energia e crea un senso di urgenza. Provate il rosso se state eseguendo una vendita, un’offerta limitata nel tempo o state vendendo i biglietti per un evento che è vicino al tutto esaurito.

Via | entrepreneur

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.