Cos’è eBay e come nasce

“eBay” è un’azienda con sede in California, negli Stati Uniti. La sua attività principale è la gestione di un sito Internet che funge da piattaforma di incontro per una vasta community di venditori e compratori.

Inizialmente l’unica attività era quella delle aste, ma nel corso del tempo se ne sono affiancate molte altre.

 

Il primo sito è stato quello in lingua inglese rivolto al mercato statunitense, raggiungibile
tramite il link http://www.ebay.com: A tutt’oggi è il più visitato tra quelli gestiti dall’azienda.

Come a volte accade per realtà di successo, la nascita di eBay è stata frutto dell’intraprendenza di un singolo e del caso. Nei primi anni Novanta il fondatore Pierre Omidyar era impiegato presso l’azienda, oggi non più esistente,
General Magic
; prestava servizi di consulenza freelance con il nome di Echo Bay Technology Group. Si decise a fondare eBay, in origine chiamata AuctionWeb.

Nel mese di settembre dell’anno 1995, nel giorno della festa del lavoro americana (il celebre Labour Day). Sua moglie collezionava contenitori di caramelle Peztm ed era in possesso di una raccolta di oltre 400 pezzi. Ma come tutti i veri collezionisti era sempre alla ricerca di nuovi contenitori e desiderava entrare in contatto con persone che condividevano la sua passione. Qualche tempo prima, conversando con il marito, gli disse: “Certo che sarebbe bello acquistare e vendere i contenitori di caramelle su Internet”. E Pierre non si lasciò sfuggire l’occasione: da grande appassionato della rete, comprese che poteva esserci una forte domanda di un luogo d’incontro online per la compravendita di oggetti diversi e originali, che solo in parte si poteva commercializzare tramite i consueti circuiti di distribuzione.

 

Così nasceva eBay. Questo almeno è quello che la maggior parte delle trattazioni afferma.
Come racconta Adam Cohen, però, la verità è che la storia è stata inventata ad arte dagli uomini delle pubbliche relazioni nel 1997, per interessare la stampa. In effetti la prima vendita non fu un contenitore di caramelle, ma un puntatore laser messo in asta dallo stesso Omidyar; il compratore arrivò a offrire più di 14 dollari e Omidyar gli
domandò se avesse capito che l’oggetto era danneggiato
, come chiaramente specificato nell’asta. Il compratore rispose che era proprio un collezionista di puntatori laser danneggiati; questa vicenda permise a Omidyar di intuire le potenzialità di un sito di aste che trattasse i prodotti più disparati. Tale versione venne confermata in seguito dalla stessa dirigenza di eBay Inc.

Commenti

Articolo precedente
Articolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.