Candele Giapponesi: Minor Reversals e Continuation Patterns


I Minor Reversals

Oltre alle formazioni di inversione (Reversal Pattern), esistono in letteratura anche delle formazioni di inversione cosiddette minori in quanto presentano minori probabilità di veridicità.

 

 

Un esempio di queste formazioni è il Counterattack Bullish e Bearish. E’ costituita da due candele di segno opposto, ma con la medesima chiusura (che forma la Counterattack Line). Generalmente, quanto più alta o bassa, a seconda del caso Bearish o Bullish, è l’apertura della seconda candela, tanto più si considera affidabile il segnale. E’ consigliata una seduta di conferma del segnale.

I Continuation Patterns

Un detto giapponese afferma che “c’è un tempo per comprare, il tempo per vendere ed il tempo per restare fermi”.

Esistono dei segnali che a differenza di quelli visti sino ad ora, suggeriscono il mantenimento delle posizioni correnti, sono i Continuation Patterns.

Un esempio di queste formazioni è il Three Advancing White Soldiers.

E’ costituita da tre candele in graduale rialzo, che chiudono la sessione vicino al loro prezzo massimo, le aperture sono comprese nel range della candela precedente e con un Upper Shadow corta o inesistente.

Attenzione però al formarsi delle ultime due candele, che possono dare indicazioni di inversione anziché di continuazione del trend qualora la chiusura non sia prossima al prezzo massimo. Del pattern Three White Soldiers ci sono infatti due casi di deformazione:

Il primo è chiamato Advance Block e si identifica dal fatto che dopo la prima lunga candela bianca si formano due piccoli White Real-Bodies con Upper Shadows marcate.

In questo caso è consigliabile alleggerire le posizioni.

Il secondo caso è chiamato Stalled Pattern e possiede la seconda candela con un largo range senza Shadows, la terza candela con la conformazione di una Star con piccolo Real-Body e un’Upper Shadow evidente. Anche in questo caso è consigliato alleggerire le posizioni.

La tecnica della candele giapponesi rappresenta un validissimo strumento di Analisi Tecnica, ma proprio come qualsiasi altro strumento di questa disciplina, dovrà funzionare in parallelo con altri elementi, per meglio coadiuvare il processo decisionale dell’analista.La verifica delle formazioni Candlestick è consigliabile per non incorrere in falsi segnali generati dalla singola candela.

Un ottimo filtro è rappresentato, ad esempio, dagli oscillatori per individuare le fasi di Iper-comprato o Iper-venduto in vista dei quali compaiono gli “alerts” ed i segnali delle formazioni Candlestick funzionano al meglio.
Gli Oscillatori possono essere dei validi supporti all’analisi delle Candlestick insieme all’analisi tradizionale sul grafico mediante le Trendline, i Supporti e le Resistenze.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.