Buon compleanno eBay: il commercio online tra storia e progetti futuri

E’ il 3 settembre 1995. Con la vendita, per poco meno di 15 dollari, di un puntatore laser rotto comincia l’avventura di eBay, il sito di aste online più famoso al mondo. Proprio quel giorno, infatti, dopo aver trascorso la festa dei lavoratori a casa a scrivere il codice per il suo personal computer, il fondatore di eBay, Pierre Omidyar lancia la primissima versione di eBay, AuctionWeb, un sito “dedicato a mettere in contatto acquirenti e venditori in un mercato onesto e aperto.”

E’ stato l’inizio di uno degli eventi che ha segnato la storia di Internet, l’inizio di una avventura che avrebbe piano piano modificato le abitudini di acquisto di miliardi di persone nel mondo. Era nato il commercio online. Erano state gettate le basi del solido, fiorente, imperituro, business dell’e-commerce. 

eBaylogo

La storia di eBay e del commercio online

Esattamente venti anni fa, dunque, il primo oggetto che viene ad essere messo all’asta su AuctionWeb è un puntatore laser del valore di 14,83 dollari, una cifra che fa quasi sorridere se paragonata al volume di affari gestito attualmente dalla società, che ha presto sperimentato più di nove zeri. Ma allora AuctionWeb era una piccola realtà locale e per diventare grande, come tutte le cose nel mondo del marketing, aveva bisogno di un po’ di mito.

Viene così fatta circolare da Pierre la storia secondo cui aveva creato eBay per aiutare la moglie a raccogliere dei dispenser di caramelle. In seguito, però, viene rivelato che si trattava di una storia falsa. Intanto il valore totale della merce venduta su AuctionWeb raggiunge i 7200000 dollari nel 1996.

Per il suo fondatore arriva il momento di cambiare lavoro. Pierre chiude la sua normale giornata di lavoro per dedicarsi a tempo pieno al suo sito di aste innovativo e invita Jeff Skoll a bordo dell’impresa in qualità di Presidente. Pierre e Jeff affittano una piccola suite al numero 1025 di Hamilton Avenue a San Jose, in California, in quello che è ora conosciuto ora come Building 6 (Musica) nell’attuale campus di eBay, che non si sarebbe mai più spostata da quel primo “nido”.

SetWidth520-LD1-OurHistory-Mobile-1995-2000-10

Deve arrivare però il 1997 perché AuctionWeb venga ufficialmente rinominato eBay: un nome più facile e friendly, che accompagnerà l’azienda nei suoi anni più fortunati, mentre il volume degli affari cresce talmente da “costringere” la società a quotarsi in borsa. al Nasdaq le azioni di eBay, il cui prezzo iniziale era previsto per 18 dollari, raggiungono in un solo giorno i 53,50 dollari. Con questa mossa finanziaria, e la costituzione di una fondazione benefica che nel corso del tempo ha devoluto 30 milioni di dollari alle organizzazioni non profit di tutto il mondo, nasce la New Economy.

Era il 1998. Non a caso il copione della quotazione in borsa di eBay è stato poi ripetuto nel corso degli anni successivi da tutti i più grandi colossi del web e delle nuove tecnologie (Google, Facebook, Twitter, etc.). Dal giorno in cui un collezionista ha acquistato per pochi dollari un oggetto inservibile, la fortuna del più famoso sito di aste online al mondo non ha più avuto limite. Presto sono arrivate le partnership di maggiore successo o le acquisizioni epocali, che hanno segnato la sua espansione globale, come quella di PayPal, Rent.com, di Skype – acquistata e poi venduta nel 2009.

ResizedImage6001402-ebay-business-at-a-glance-805

Come mostra questa infografica, i numeri che eBay è capace oggi di gestire sono davvero impressionanti. Si tratta di 800 milioni di elenchi globali, 157 milioni di acquirenti attivi, e 25 milioni di venditori attivi in un’unico grande mercato.

I progetti futuri di eBay

Non  molto tempo fa eBay ha introdotto una nuova esperienza di shopping su iPad, che ha offerto ai suoi clienti una nuova esperienza di navigazione in tutti i suoi principali settori, tra cui moda, elettronica, motori, offerte, e altro ancora. Ha reso più facile per i suoi clienti trovare quello che cercano oppure scoprire grandi e rari pezzi dalla sua selezione esclusiva di oltre 800 miliardi di oggetti in vendita. Ma quali sono in concreto i progetti  futuri che l’azienda si propone di attuare nei prossimi mesi?

Diverse applicazioni, che si può aver scaricato e utilizzare, potranno presto andare via, e la funzionalità chiave di queste applicazioni, in particolare di eBay Valet, Moda e Motori saranno integrate nelle applicazioni base di eBay. Ecco in cosa consisterà la prima fase dei piani:

1. l’applicazione eBay Valet sarà chiusa nelle prossime settimane – ma per i venditori sarà ancora possibile ottenere lo stesso servizio attraverso ebay.com/valet o utilizzare gli strumenti di vendita all’interno delle applicazioni di base di eBay;

2. l’applicazione Fashion eBay sarà parimenti dismessa nelle prossime settimane;

3. l’applicazione eBay Motori sarà dismessa entro la fine dell’anno, e l’obiettivo dell’azienda è quello di portare il resto del meglio dei motori nel nucleo di app di eBay attraverso questa transizione!

Inoltre, oggi il gruppo sta ritirando il servizio eBay Now negli Stati Uniti, tra cui il programma locale pilota di Brooklyn. Lo scorso anno, ha ritirato l’ eBay Now app e aggiunto la capacità di delivery del programma e l’inventario di molti commercianti che vi partecipano “alle applicazioni mobili di base”. Ciò ha ridotto significativamente la dipendenza dell’azienda da un servizio autonomo separato.

Il servizio eBay Now, pur avendo avuto avuto risultati incoraggianti, è sempre stato inteso dal gruppo come un progetto pilota, e ora sta esplorando programmi di consegna e pick-up che sono rilevanti per gli oltre 25 milioni di venditori serviti dall’azienda, che coprono un più ampia varietà di inventario. Il gruppo continuerà a dirigere la consegna nel Regno Unito.

Questi cambiamenti, nell’ottica aziendale, porteranno ad un’esperienza semplificata di eBay per i suoi clienti, pur mantenendo ed estendendo le potenti funzionalità di commercio uniche su eBay. Si tratta di responsabilizzare i clienti e accendere il futuro del commercio online per aiutare eBay a diventare il luogo più stimolante per fare acquisti. Anche negli anni a venire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.