10 errori da evitare quando si avvia un business online

L’avvio di un business online inizia sempre con il soddisfacimento di un bisogno e con la costruzione della propria credibilità online, ma i fattori che possono fare del vostro business online un successo folgorante non si fermano qui. Mentre le barriere per la creazione di una società sono basse, la maggior parte delle persone che iniziano un business online in gran parte cadono in errori che sembrano ovvi col senno di poi – come la sovrastima dei profitti o il cercando di dare troppe cose ai clienti fin dall’inizio.

Ma ci sono molti altri contrattempi che possono capitare agli imprenditori senza esperienza nel campo. Ecco perché quando si avvia un business online ci sono una serie di step da seguire, come ricorda TheEntepreneur.  Per migliorare di colpo il proprio successo, cercate di evitare questi 10 errori comuni quando si avvia un business online, perché potrebbero essere molto negativi per la vostra fase di avvio.

money-931423_640

10 errori da evitare quando si avvia un business online

1. Non avere un piano d’attacco

Non è necessario avere un piano aziendale formale – ma anche quando si lavora nel business online si ha ancora bisogno di un piano. “Le persone considerano il business plan come una specie di compito a casa che non vogliono fare, ma la pianificazione aiuta molto – è tutto ciò che è il mio successo”, si è trovato una volta a dire Tim Berry, presidente della Palo Alto Software, una società della Silicon Valley che produce software per il business e la pianificazione e autore di testi sull’argomento.

Mentre il piano industriale di grande formato è poi obsoleto per la crescita, Sujan Patel, vice presidente del settore marketing presso una società di software e fondatore di diverse SaaS start-up, dice: “Non hai bisogno di un piano formale di 20 pagine, un business plan tradizionale per pianificare con successo un business. Hai bisogno di sapere chi sono i tuoi clienti, ciò che viene venduto e ciò che le persone sono disposte a pagare per il tuo prodotto o servizio. ”

Inoltre, è necessario sicuramente sapere quanti soldi hai a disposizione e quanto tempo durerà.

2. Concentrarsi troppo sulle piccole cose

“In primo luogo, è necessario fare in modo che il vostro business venga fuori”, dice Steve Tobak, fondatore di Invisor Consulting, una società di strategia aziendale, e autore di libri sull’imprenditorialità nel mondo di internet. Anche se questa direttiva può sembrare ovvia, i nuovi proprietari di imprese online possono perdere davvero troppo tempo su cose minime e rimanere impantanati nei dettagli. Non fate questo.

Non concentratevi cioè su cose come i biglietti da visita che vanno in mano alle persone o la progettazione del logo, perché i fondatori stanno perdendo tempo prezioso. Invece, concentratevi sui compiti che aiuteranno a spingere il vostro business al livello successivo.

3. Non preoccuparsi dei soldi

Essere ottimisti va bene – ma non per i soldi. “C’è una buona possibilità che la vostra azienda sarà a corto di soldi prima che li renda”, avverte Tobak. “Sapere quanti soldi ha avuto modo di gestire la vostra azienda, quale è la vostra velocità di combustione e assicurarsi di avere un piano per cercare di ottenere più guadagni prima che si esauriscano è essenziale.”

Troppo spesso gli imprenditori si danno da fere per raccogliere fondi quando è già troppo tardi. Invece, i fondatori dovrebbe creare un piano finanziario, in dettaglio con tutte le tappe e capire quanti soldi ci vorranno per raggiungere questi obiettivi.

4. Sottovalutare quello che stai vendendo

Se stai vendendo un prodotto o un servizio, impostate il prezzo su quello che deve essere necessario per realizzare un profitto utile

Cynthia Salim, fondatore e CEO di Mark Citizen, una linea di blazer professionali eticamente prodotti e dedicati all’abbigliamento per le donne, ha impostato il prezzo di partenza per il suo prodotto a 425 dopo aver considerato il costo del lavoro e dei materiali per la sua linea. “Il prezzo è quello che ha bisogno di essere”, dice Salim. Patel sottolinea anche: “come il vostro business si evolve continuate a regolare le fasce di prezzo.”

5. Ignorare il servizio clienti

Dal momento che molte delle nostre transazioni commerciali accadono su Internet, è facile dimenticare che i clienti sono persone e che sono molto più propensi a tornare sul tuo sito web se hanno avuto una buona esperienza. “Assicurarsi di avere qualche modo di interagire con le persone che visitano il tuo sito”, dice Tobak. “Qualunque cosa abbiate nel vostro dominio -. Tramite chat, sondaggi, e-mail o telefono. Inoltre, monitorate i siti di social-media per verificare il sentiment nei confronti del vostro marchio e controllate i siti di recensioni per vedere se c’è qualcuno che non è felice per la sua esperienza e cercate di raggiungelo.

6. Dare via troppo e non ottenere nulla in cambio

Se prima avete stabilito la vostra credibilità come venditore o esperto, che offre qualcosa di gratuito, ciò può trasformarsi in un vantaggio, nel riuscire ad attirare un cliente di lungo termine, in particolare per quegli imprenditori focalizzati sull’offerta di servizi. Tuttavia, al costo del prodotto gratuito si può aggiungere qualcosa in cambio, in modo da pensare di offrire qualcosa di utile e intangibile, come l’indirizzo di posta elettronica del cliente, come ad esempio un ebook gratuito, una ricetta, delle istruzioni, una guida o una checklist, consiglia Joel Widmer, il fondatore di Fluxe Digital Marketing, una società di content-strategy.

7. Una presenza troppo diffusa sui social network

Quando si sta partendo con il marketing e si costruisce il proprio marchio, provate solo uno o due principali gruppi social in cui sapete che il vostro pubblico è presente perché questo può essere utile per costruire un pubblico personalizzato con un piccolo budget. Non dilapidate tutto il budget pubblicitario in partenza.

Come regola generale, Facebook e Pinterest tendono ad essere migliori per le vendite del prodotto. LinkedIn è un campo in più per una azienda che cerca di costruire il proprio marchio sui professionisti in affari, spiega Widmer. LinkedIn è anche un buon posto per riproporre i contenuti.

8. Risparmiare sulle primi assunzioni

Gli imprenditori hanno fretta in genere nel processo di assunzione per colmare rapidamente le posizioni al fine di accrescere la loro attività. Ma andando su questa strada, i fondatori corrono il rischio di incontrare problemi lungo la strada, tra cui una mancata corrispondenza tra le esigenze e il business, una personalità che non si sposa bene con la cultura o possiede una mancanza di impegno per la missione aziendale.

Fate sempre in modo che queste condividano la vostra vision e la vostra mission, oltre ad avere le capacità e le competenze adeguate. “Le prime cinque assunzioni imposteranno la temperatura della vostra azienda per il resto della sua esistenza”, sottolinea Patel.

9. Cercare di gestire tutti gli aspetti in una volta

Avete senza dubbio letto molto circa l’importanza di un’ equilibrio lavoro / vita – non pensateci più. (Almeno per il primo anno o due.) “Non preoccuparti per tempo”, dice Tobak. “Le grandi idee non vengono quando si sta cercando di gestire ogni minuto del vostro tempo. Non vengono quando si è multitasking. Vengono quando si è concentrati su una cosa. Lasciate tutto il resto cadere in una dissolvenza in nero. ”

10. Pensare che tutto è uguale per tutti

Solo perché un prodotto o una strategia ha funzionato per una società non significa che funzionerà anche per voi. Cercate di avere un sano livello di scetticismo su ciò che si legge. Se è possibile testare il prodotto con un rischio finanziario e risorse minime, fatelo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.