10 artisti moderni su cui investire

Gli artisti moderni sono tutti caratterizzati da un periodo di transizione, di cambiamento e consapevolezza, che è illustrato nella loro opera. L’originalità di questa classifica, realizzata da Art Price, una delle realtà specialistiche del settore, che comprende ovviamente due dei più grandi avanguardisti del mondo occidentale, Kasimir Malevich (1.878-1.935) e Marcel Duchamp (1887-1968), è la sua diversità, in quanto comprende le nazionalità che vanno dall’Austria alla Cina , tra cui l’Egitto, l’India, le Filippine, la Francia e gli Stati Uniti.

Questa lista comprende anche tre artisti di sesso femminile, che di solito sono classificati ad un livello inferiore rispetto ai loro colleghi maschi.

bc20-1439228013

10 artisti moderni su cui investire

1 Kasimir Sevrinovitch MALEVICH

ad8e-1422566169

2-3 Amrita Sher-GIL

Amrita Sher-Gil (1913-1941)
Una figura importante nella modernità indiana. Amrita Sher-Gil ha fatto una forte impressione. Era attivo al momento chiave dell’arrivo degli inglesi in India, un tempo in cui furono maltrattati i valori tradizionali indiani. Tutto stava cambiando allora: lo stile di vita, i soliti punti di riferimento. Anche l’arte stava cambiando; il tradizionale insegnamento nelle scuole è stato sostituito da un altro sistema educativo istituito dal governo britannico. Pochi artisti indiani hanno trovato la loro strada in questa nebulosa http://www.theblog.it.Il giovane Amrita Sher-Gil riesce grazie al suo doppio fondo (è nata a Budapest nel 1913 e ha studiato in Europa). E’ morta a 28 anni e ha lasciato dietro una produzione limitata che si trova raramente in asta (16 opere messe in vendita in 25 anni). Conosciuta in tutto il mondo, il prezzo della sua opera è in crescita oggi sia in India che New York. Nel corso del primo semestre 2015, due dei suoi dipinti hanno superato 2 milioni di dollarii, compresi il bel autoritratto del 1933 venduto a un record di 2,92 milioni.

4 WANG Qi

Nuovo sul mercato delle aste (presente solo dal 2013), Wang Qi è un rappresentante di quell’interesse crescente per gli artisti moderni cinesi. Questo artista ha avuto accesso nell pantheon dei milionari a seguito di una vendita all’asta che ha avuto luogo in Asia a marzo 2015, non a Hong Kong o Pechino, ma a New York. Sotheby stava vendendo una serie eccezionale di quattro disegni. Stimato 700.000 dollari al massimo, è stato venduto per 1,8 milioni tasse incluse! Wang Qi è uno dei fondatori del movimento cinese Full Moon Society, che ha usato per includere otto dei migliori artisti della porcellana, dopo la caduta della dinastia Qing. Wang Qi ha sfidato le tecniche tradizionali, in particolare incorporando influenze occidentali nel suo lavoro.

5-7 Carlos FRANCISCO

Francisco Carlos (1913-1968) – La personificazione della modernità nelle Filippine
Meglio conosciuto sotto il nome di Botong, Francisco Carlos era un muralista ed è considerato l’artista nazionale delle Filippine. Nato da una famiglia modesta e educato nelle Filippine, è diventato un appassionato della storia e dei costumi del suo paese, studiato letteratura e scene di vita quotidiana dipinte. Il suo mercato è dove sta la sua opera: in Asia, in particolare a Hong Kong (69% del mercato), dove ha appena ottenuto il suo record personale. Botong ha superato la soglia di un milione all’asta per la prima volta, con un dipinto ad olio del 1958 raffigurante un matrimonio islamico, una tradizione praticata dalla tribù Tausug nelle Filippine. La sua composizione dinamica e complessa e la sua ricca tavolozza di colore rendono questo eccellente lavoro uno dei quadri più noti di questo artista http://www.theblog.it. il che spiega il motivo per cui il suo record è raddoppiato in tre anni.

6 Erika Giovanna Klien

da7c-0

Laureatasi presso l’Università di Arti Applicate di Vienna (Austria), classe del 1925, Erika Giovanna è stata influenzata dalle teorie delle forme ornamentali, dal Cubismo, dal  Futurismo e dal Suprematismo, e la sua opera è una sintesi di vari europei avanguardisti, che ha dato luogo ad una tendenza chiamata Kinétisme. Il suo lavoro ha ricevuto un sacco di elogi, in primo luogo con una grande mostra presso le Arti Decorative di Parigi nel 1925, poi durante la Fiera Internazionale d’Arte Moderna di New York nel 1927. Nel 1929, la giovane artista partì per gli Stati Uniti pieno di speranza. Ha ricevuto la cittadinanza americana nel 1938 e vi trascorse il resto della sua vita. La situazione è cambiata nel 2000, quando il mercato dell’arte ha riacquistato interesse per il suo lavoro. Ha raggiunto il suo record personale nel 2015, con 859 mila dollari sborsati per Lokomotive (Locomotive), un dipinto ad olio del 1926 in cui mescola il meglio del cubismo e le influenze futuriste, in un tipico tema moderno che è stato un pretesto per il movimento.

8 Marcel Duchamp

8cdb-1439228062

9 Hamed Owais

Hamed Owais (1919-2011) – Il più ricercato egiziano a Dubai. Hamed Owais incarna il risveglio del mercato dell’arte moderna negli Emirati Arabi Uniti. Si è imposto come un pittore importante in Egitto, un pioniere, fondatore del Gruppo di Arte Moderna nel 1947. Influenzato da Picasso, Matisse e dei Fauves, con fermezza rifiutando il Surrealismo, la sua opera raffigura la realtà sociale del suo tempo, in particolare la classe operaia egiziana: contadini, pescatori, operai, artigiani, parrucchieri, commercianti. Nel 1956, ha ricevuto l’Owais Guggenheim International Award, ma nonostante questo premio la sua opera non ha avuto successo a livello internazionale durante la sua vita. E’ morto nel 2011, all’età di 92, e la sua opera è stata venduta all’asta da Christie Dubai tre anni più tardi e subito ha guadagnato ottimi risultati. Il suo record attualmente è un picco di 557.000, con un tema politico e popolare (Nasser e la nazionalizzazione del canale,venduto il 21 dicembre 2014). Fino ad ora, solo tre opere hanno prodotto un’asta vivace, che hanno rafforzato la fama di Hamed Owais.

10 Florence Ada FULLER

Florence Ada Fuller (1867-1946)
Un’artista nata in Australia, Florence Ada Fuller, ebbe una vita ritmica: ha iniziato gli studi d’arte in Australia e in seguito divenne insegnante, e poi visse in Francia e in Inghilterra per dieci anni. Ha studiato presso l’Académie Julian, dove è stata allieva di William-Adolphe Bouguereau e Raphael Collin. La sua carriera è iniziata alla fine del XIX secolo, prima con il suo ingresso al Salone di Parigi nel 1895, e poi con la presentazione di La glaneuse alla Royal Academy di Londra nel 1897. Rispettata per tutta la sua vita, Fuller era rappresentata da quattro gallerie (tre in Australia e una in Sud Africa), cosa rara per un’artista femminile . Ora è sostenuta dalla ripresa del mercato australiano e ha appena registrato il primo premio serio: 219.000 Weary , da Sotheby a Sydney. Il suo stile è attraente per gli appassionati europei, e la sua valutazione può aumentare.

Via | artprice

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.