10 artisti del XIX secolo su cui investire

Il 19 ° secolo è uno dei più grandi periodi storici per le vendite d’arte, all’interno del quale compaiono grandi maestri come Edouard Manet, Camille Pissarro, Vincent Van Gogh e ClaudeMonet. Solo nel 2014 più di 50.000 opere del 19 ° secolo sono state vendute in tutto il mondo, ovvero il 12 per cento del totale.

Mentre l’impressionismo è lontano dall’essere il movimento più rappresentato o più popolare, è uno dei movimenti più esclusivi, dper il quale i collezionisti si impegnano in feroci battaglie in sede d’asta, non influenzati da tendenze prevalenti. Questi appassionati di romanticismo, simbolismo e orientalismo si fronteggiano in prima linea a Londra per il loro shopping, luogo primario per questo segmento di mercato.

Se siete curiosi di sapere quali sono i migliori artisti del XIX secolo su cui investire ecco una recente classica realizzata dalgi esperti di Artprice. La classifica riporta le migliori vendite all’asta del 2015 per i più rari artisti del 19 ° secolo. Al suo interno vi sono artisti raramente menzionati al centro della scena o poco noti, come il tedesco Johann Wilhelm G. Barth (1779-1852), il polacco Maksymilian Gierymski (1846-1874); l’artista autodidatta del Quebec Joseph Légaré (1795-1855), i cui due pezzi sono stati venduti ad un prezzo cinque volte superiore la sua stima di quest’anno; il paesaggista britannico William James Blacklock (1815-1858) e Daniel Thomas Egerton (1797-1842), nessuno dei quali è apparso all’asta negli ultimi tre anni; e ancora i francesi Théodore Pierre Maillot (1826-1888) e François Claude Hayette (1838-?), che hanno appena rovesciato i loro rispettivi record.

Il dipinto di Maillot Nu au vaso grec ha quintuplicato la sua stima a Parigi, mentre il pittore orientalista Hayette ha stabilito un record a Londra con 330.000 dollari per un lavoro di grandi dimensioni raffigurante Costantinopoli. Oltre a questi nomi rari e piuttosto esclusivi – per i quali i prezzi sono spesso tutt’altro che trascurabili – spiccano due figure più notevoli : l’ambizioso John Martin e l’enorme drammaturgo svedese August Strindberg che, pur non pensando di essere un grande pittore, è ora identificato come tale dal mercato.

10 artisti del XIX secolo su cui investire

1 John Martin

640px-John_Martin_-_Sodom_and_Gomorrah
John Martin (1789-1854) è stato uno dei più popolari artisti britannici. Nato a Haydon Bridge nel 1789, è arrivato a Londra nel 1806, ha iniziato a dipingere paesaggi, soggetti mitologici, pittura storica, e, in particolare, ha catturato l’attenzione della Royal Academy, dando loro un dipinto nel 1811 (La Ricerca di Sadak delle Acque di Oblivion). Le principali composizioni che seguirono sono valutate in base ad una accettazione da parte del pubblico generale o incomprensione. Nel 1817, fu chiamato alla corte della principessa Charlotte come pittore di storia, e poi la sua carriera è decollata nel 1820, con la Festa di Baldassarre, una scena di panico che gli è valso un premio (consistente in quel momento) 200 sterline. Ha poi aderito alla Società di recente formazione, la British Artists, ed espose il suo lavoro in diverse occasioni prima di tornare alla Royal Academy. Nel 1833, la sua fama ha attraversato i confini britannici grazie alla sua tela La caduta di Ninive, acquistata dal governo belga. E ‘stato eletto come membro della Reale Accademia di Scienze, Lettere e Belle Arti del Belgio e ha ricevuto il titolo di cavaliere dell’Ordine di Leopoldo, premiato dal re del Belgio. La maggior parte dei suoi dipinti sono stati acquisiti nel 1974 dalla Tate Britain, da qui l’estrema rarità delle sue opere in asta: meno di 20 tele sono apparse sul mercato in un quarto di secolo, tra cui la monumentale opera La città celeste e The River of Bliss, all’asta da Sotheby l’8 luglio 2015, che ha stabilito il record di 4,2 milioni comprese le spese. Tale prezzo è stato previsto per questa grande opera con un pedigree prestigioso. Infatti, è stata esposta alla Royal Academy (1841), al Victoria and Albert Museum (1969) e più recentemente alla Tate Britain (Apocalisse, settembre 2011-gennaio 2012). John Martin è tra i leader della pittura British, gli spiriti indipendenti e i precursori del movimento del romanticismo.

2 August Strindberg

725px-August_Strindberg_-_Björken_I_(Höst)

August Strindberg era un artista singolare, un uomo ipersensibile, facilmente eccitabile, che era più uno scrittore che un pittore. Uno dei più importanti scrittori svedesi, è considerato uno dei padri del dramma moderno. Come il suo contemporaneo francese Victor Hugo, August Strindberg ha praticato l’ arte (disegno, scultura, pittura, fotografia) come attività secondaria alla sua creazione letteraria. La sua produzione è altrettanto tenue perché dipinge soltanto durante tre periodi della sua vita: 1872-1874, 1892-1894 e per alcuni anni dopo il 1900. Senza aver studiato le arti, ha permeato le sue tele con una potente espressione e ha sviluppato un forward cercando di unire il surrealismo e l’espressionismo astratto. Il suo mercato è limitato agli addetti ai lavori, nonostante il viaggio retrospettivo organizzatao14 anni fa (al Museo Nazionale di Stoccolma, al Museo Nazionale di Copenaghen, e il Musée d’Orsay di Parigi, 2011-2002 ). Le sue opere approfondiscono il naturalismo, il romanticismo, e il simbolismo, e, a volte rivelano anche la sua attrazione per la psicologia (era vicino a Nietzsche), e l’occulto. Anche se ha vissuto senza un soldo per tutta la vita, il lavoro di questo pioniere è ora strappato dalle case d’asta non appena una buona occasione si presenta. Il suo lavoro ha guadagnato 9 milioni di dollari di vendite a partire dalla fine degli anni ’80, soprattutto a Stoccolma (dove si trova quasi il 60% del suo mercato), e meno frequentemente, a Londra.

3 François Claude Hayette

6004730_orig
4-5 Joseph Légaré

ChaudiereFalls23
6 William James Blacklock

Chapel_at_Haddon_hall
7 Maksymilian Gierymski

Gierymski_Charge_of_the_artillery
8 Théodore Pierre N. Maillot
9 Daniel Thomas Egerton

Painting of the aqueduct of Zacatecas by Daniel Thomas Egerton (1838) at the Franz Mayer Museum in Mexico City

Painting of the aqueduct of Zacatecas by Daniel Thomas Egerton (1838) at the Franz Mayer Museum in Mexico City

10 Johann Wilhelm G. Barth

Via | artprice

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.